Copyright © The Malta Historical Society, 2005.

Source : Proceedings of History Week 1999. (67-96). [Malta : The Malta Historical Society, 2002].

[p .67] A Letter to inquisitor Monsignor Carpegna comprising a "Diary"account of events the French Occupation (1798-1800)

 Victor G. Grifiths

     At the outset I must state that this article is to be considered as a preliminary com-munication, the reason being that the manuscript document that I possess is not the original but a copy of a copy.  As far as I have been able to ascertain, to date it has never been published or revealed to public knowledge.  For this assertion I have the support of Dr Carmelo Testa, Dr Albert Ganado, Monsignor John Azzopardi and Monsignor Pro-fessor Vincent Borg which is to me sufficient justification for the present communication.

     The original letter to Inquisitor Carpegna has to date not come to light.  I cannot even say whether it ever reached its addressee in Rome.  So far, a first search in the archives at the Vatican by Mgr. Prof. Vincent Borg has revealed no trace of it.  However, either this original or a copy of it must have been accessible for some years in Malta for some years after it was written, resulting in a copy being made from which what I may call ‘my’ copy was in its turn produced.

     My copy is the first document, bound with several others all relating to the Occu-pazione Francese, to form a volume described on the flyleaf as Documenti sull’ occupazione Francese e susseguente rivolta della campagna copiati dai registri Capitolari.  This suggests that a copy may have existed, or still exists, in the archives of the Cathedral or some other Chapter.

     Also to date unknown to me is the identity of this ‘first’ copyist of the Carpegna letter and the date in which he made it.  It is clear that, after supplying an introductory note about Carpegna, he started out with the intention of adding footnotes, of which there are six on the first two pages but only two in the rest of the text besides an insertion in brackets of a couple of names qualified by a question mark.  Obviously, he could add his remarks with authority, if not from personal experience of [p.68] the eventful years, and his names of French personages are correctly spelled, contrasting with some Maltese contemporaries in this respect.  In a few places, his handwriting seems to have been undecipherable to the later copyist who produced ‘my’ document.

     My manuscript came to me from the huge and valuable archive, or that part of it that survived war destruction, of the redoubtable researcher and historian, Chev. Giuseppe Darmanin Demajo (1871-1943).  His collection of material under the general name of Blocco is massive.  Most of it is in his own handwriting and sources of origin are invariably and correctly indicated.  The copying of much of his material, including the volume I am dealing with here, was delegated to an amanuensis whose handwriting almost certainly belongs to a female.

     The document runs to 5000 words, covering 31 pages on 16 sheets each measuring 30 cm by 20 cms which are sewn into a volume of 80 sheets with a paper cover.  In the GDD archive, this volume was variously marked as Blocco I, No. 37 and XXIII.

     The letter to the Inquisitor, Mgr. Carpegna, bears the signature of (Sacerdote) Ignazio Debono.  It starts with the statement that it is a 27 month belated reply to a letter from Carpegna himself dated 28 June 1798, and so far untraced by me, which had obviously reached Debono some weeks after Bonaparte had landed in Malta.  Debono’s letter then launches on a general account, extending over six pages, apparently from random notes of events from the first day of the French invasion, but it seems that Debono, writing in September 1800, decided to have recourse as from 29 October 1799 to a diary which at this date he had started keeping, and this diurnal format was maintained to the end of the letter with the entry for 20 September 1800.

     This composition of the letter accounts for the omission of certain events of the first 14 months of French rule in Malta, most notably any details of the attempted coup of January 1799 by the Lorenzi/Xerri ‘conspiracy’ and its tragic outcome except for an oddly worded and oblique reference a year later.  Personally, I find special interest in presenting the diary account as one to be compared with a few other known ones of the same period.

     Monsignor Giulio dei Conti Carpegna was, of course, the last of the Inquisitors of Malta.  He forestalled expulsion by Bonaparte by opportunely quitting his residence in Birgu in April 1798, leaving as his deputy the Assessore Canon G.B. Gatt who, in turn, on his eviction under French orders, was replaced by the Cancelliere of the Holy Office: our Rev. Ignazio Debono of Vittoriosa.  For all other information about [p.69] Carpegna the obvious references are the works of Fr. Alexander Bonnici OFM Conv. [1]

     For a brief note on Rev. Debono I am indebted, besides Bonnici, to my good friend Mgr. Prof. Vincent Borg, whose encyclopaedic biography of Maltese clerics is eagerly awaited.  Ignazio Debono was born at Vittoriosa on 10 June 1737 and was ordained priest in 1756.  By 1765 he was already serving in the Santo Uffizio of the Inquisition of Malta.  He had some literary interests, publishing some sonnets.  He acquired various benefices and a special pension, and may have been appointed a canon.  Her established his name in Maltese history through being instrumental in preserving the Inquisitor’s Archives now conserved in the Cathedral Museum of Mdina. [2]   It is interesting to note that, in the text of the Carpegna letter, Debono twice mentions his resisting of requests by Bishop Labini to hand over inquisitorial documents.  I am indebted to Mgr. John Azzopardi for the discovery in the Archives at the Cathedral Museum of a detailed list of the documents that Debono did not deliver to the Bishop.  He died in Valletta on 20 December 1819.  I dare hope that the presentation of his letter (and diary) will add to our interest in him, as they do have some intrinsic qualities with a personal imprint.

     His Italian does not strike me as being of a very high order and, after two years of contact with the French, he may not have acquired much of their language.  But his account does have the merit of being written, to borrow Dr. Carmelo Testa’s phrase, “from within the walls”. [3]

     [p.70] It is interesting to note that Rev. Debono in Vittoriosa was sufficiently au courant with certain important happenings at the seat of power in Valletta as also well out in the campagna, while the ubiquitous grapevine connections, which are not severed by siege or wartime conditions, ensured that he got to know also of matters of lesser moment, or of current gossip.

     His account is certainly that of a cleric who remains faithful to his superior and to his beliefs: right from the opening paragraphs, the letter clearly displays his dislikes for the French and their doings, as also for their collaborators among the Knights and the Maltese.

     At this point, I wish to comment briefly on the few records of the French period that come readily to mind as having a diary format or being actually termed Giornale.  These call for a comparative review on another occasion.

     First among the formal and published accounts comes that of Bosredon Ransijat. [4]   It presents under all aspects the official French viewpoint by a Frenchman with a prominent part in the whole matter.  Its Maltese ‘antagonist’ may be said to be the work of Baron Azzopardi [5] which disclaims being based on personal knowledge but reproduces significant documentation.

     More akin to what we may now call ‘Debono’s diary’ are the following:

1)       Felice Cutajar’s contemporary Giornale and other three parts, brought to light by Giovanni Curmi in 1933. [6]   This diary has many interesting details as seen from the Maltese side, but covers only the period from 2 September 1798 to 25 November 1798.
2)       The diary of the Senglean priest F.X. Baldacchino, discovered by Prof. Stanley Fiorini, whereof the daily entries cover the full period “from within the walls”. [7]
3)       The unpublished Diario Anonimo manuscript conserved at the Museum of Fine Arts, Valletta, as part of the “Ball Papers” purchased through the Gollcher Foundation.  Of this document, 40 small sheets (80 pages) are extant and the account thus starts with the entry for 16 May 1799.  In this respect, as in some others, it is the one which most closely resembles our ‘Debono’s diary’.  The diarist would seem to be a person of  some culture familiar with the proper spelling of French [p.71] names and able to insert a couple of passages in French.  He seems to be writing in Valletta; a feature is the record of the comings and goings of the blockading English ships.
4)       The anonymous diary in the Mdina Cathedral Museum listed as Misc. Vol. 370, # 295-310 and included in Dr Carmelo Testa’s bibliography. [8]   So far I have not been able to transcribe it satisfactorily.
5)       The Lorenzo Bugeja manuscript in the Blocco volume in the archive of the Wignacourt Museum in Rabat. [9]
6)       Finally, one may note that Dr Grazio Ellul in 1978 mentioned the existence of an “anonymous diary June 1798-February 1799” [10] , of which further details are unknown to me.  However, these dates tempt queries about the missing pages of the above-mentioned diario anonimo.

     I now proceed with chosen extracts from the Italian text, mostly those alluding to exceptional events, or just curious happenings, interpolating a few brief comments of my own as foot-notes.  I would draw attention to those passages where personages are clearly named which I have checked in Dr. Carmelo Testa’s index and text. [11]

DOCUMENTI SULL’ OCCUPAZIONE FRANCESE

e susseguente RIVOLTA DELLA CAMPAGNA,

copiati dai registri Capitolari

RELAZIONE delle vicende Maltesi negli anni 1798-1800 scritta dal Cancelliere di S. Uffizio di Malta, Rev. Sacte. Ignazio Debono della Vittoriosa.

[p.72] LETTERA a Mons. Giulio dei Conti Carpegna (Romano), ultimo Inquisitore di Malta.  (Questo lasciٍ l’Isola nell’Aprile 1798 deputando l’assessore Dr. G.B. Gatt qual proinquisitore durante la sua assenza.  Al Gatt fu da Bonaparte nel Giugno seguente intimata la partenza.)

Dopo due anni e mesi tre rispondo alla lettera di V.S. Illma. portante la data dei 28 Giugno 1798, ma non è mancanza di rispetto perchè non si e’ dato mai occasione di posta.  Gia S.V. Illma. ha saputo la disgrazia di Malta occorso li 10 Giugno di detto anno del tradimento fatto dalli Cavalieri Francesi,[12] accompagnati da quelli birbi di gioventu`salariati e la maggior parte di quelli che erano ben ricompensati dalla Religione Gerosolimitana ed ancora da alcuni Signore e Avvocati. [13]

Lo sbarco si fece in S. Giuliano senza alcun combattimento, [14] calarono in terra, hanno trovato li Casali senza uomini perche’ furono mandati per le marine della Melleha, ed altre parti, [15] e cosi’ li Francesi hanno spogliato tutta quella gente delli Casali Nasciaro, Birchircara e Città Pinto, Lia, Balzan, Attard non solamente delle robbe, danarri, oro, argento, ma anche hanno ammazzato molti animali, e l’onore delle mogli e figlie loro, [16] e poi si divisero in quelli Casali, e porzione andٍ nella notte con un Offle. col titolo di commandante.

Il Genle. Bona Parte e porzione del suo esercito si portٍ alla Notabile [17] il dopo pranzo e fu ricevuto nella Saccaia vicino al convento di Sant’Agostino da Monsigr. Vescovo, Senato e Canonici della Cattedrale con consegnarli la chiave della Porta di detta Città, e di li parti il Vescovo e si portٍ in Valletta a dar parte al Gr. Mro. e Consiglio. [18]

Parte dell’altro esercito fece sbarco in M’Scirocco e furono ammazzati diversi Cavalieri dalli stessi Maltesi per il tradimento.  Allora l’esercito si portٍ nelli casali Zabbar, Zeitun, Asciach e Tarxien ed hanno fatto li soldati conforme fecero gli altri nelli detti Casali, e poi la sera vennero li soldati nella Vittoriosa, e si divisero parte in detti Casali e parte per le tre Citta’ di Vittoriosa, Burmolae Senglea;  il capo loro era il famoso Bertis. [19]   In questa citta’ non hanno fatto saccheggio nessuno.  Nel palazzo dell’Inquisitore venne ad abitare un Commandante e nella porta un corpo di guardia e presero per coco a Pu Vincenzo e per credenziere Michele, [20] Barcaloro cacciato, due famosi birbi.

[p.73] Il detto Genle. Bonaparte si portٍ in Valletta e quelli pochi giorni che restٍ in Malta abitٍ nel palazzo delli Signori Muscat vicino S. Giacomo nella strada di Dorell.

Quel giorno che entrarono nella Valletta hanno licenziato il Gran Mro. nel termine dei tre giorni di andare fuori di Malta con tutti li Gerosolimitani essendo l’ordine Gerosmo. abolito e tutti li Balى Commendri., Cavalieri e Preti dell’abito levarono le spade e le Croci dal petto, e fra pochi giorni tutti partirono e restarono quattro Balى col decreto di tre mesi ed ancora sono influi oggi.  Le monache di S. Scolastica la mandarono alla Notabile in quel monastero di S. Benedetto, e s’impadronirono di tutto.  Quelli di San Domenico della Vittoriosa e della Notabile portati nel convento [p.74] di S. Domenico della Valletta e s’impadronirono di tutto l’argento e rame di cucina.  Quelli di Sant Agostino della Valletta e della Notabile esiliati nel Gozo che non ponno, mai tornare in Malta.

Quelli del Carmine della Notabile li portarono alle Valletta con impadronirsi di tutto.  Quelli di S. Francesco della Valletta mandati alla Notabile e impadronirsi di tutto.

Li Zuccolanti della Valletta mandati alla Notabile; s’impadronirono di tutto.

Li Cappuccini della Vittoriosa e del Gozo mandati nel convento della Valletta; s’impad-ronirono di tutto.  Hanno chiuse le chiese loro e presero tutte le candele, apparati, argenti appartenenti alla Chiesa, tovaglie d’altari ec.

Dopo un mese la Compagnia del Crocefisso dei Zuccolanti si radunarono tra loro e pagarono una somma grossa di danaro e con decreto tornarono li Zuccolanti in Valletta e fu aperto il convento e la chiesa.

Hanno preso tutta l’argenteria di palazzo, dell’Albergie dell’Ospedale. di S. Giovanni quello che vi era in Tesoro.  Hanno fatto la Chiesa di S. Giovanni Concatedrale [21] con lascargli gandalieri per gli altari, e principiَ ad officiare nel mese di Agosto con gran dispendio della Cattedrale con fornirla di Musici, Cappellani di Coro, Chierici e Servienti come la Catedrale della Notabile, e l’Altri vennero in Valletta per officiare.  Poi hanno spogliato la Catedrale dell’Argenteria.  Hanno portato il Seminario nella Valletta ma ancora non è accordato per motivo di questa guerra della Campagna con la Valletta.  Ma li Canonici pare che non sono contenti di questa spesa della Concatedrale perche porta gran spesa e la catedrale non soffre il mantenimento cosى grande di due chiese.

Li 2 Settembre andarono alla Notabile due deputati Maltesi, un tal Giuseppe Ferruggia scrivano del Tesoro, ed il Notaro Patrizio Alessandro Spiteri per portare la tapezzeria del Convento della Notabile del Carmine.  Allora tutta la Campagna si mese all’armi.  Hanno tagliato la fontana acciَ l’acqua non viene più in Valletta.  La mattina del Lunedى non vennero i soliti Casalotti col pane, erbaggi e frutti, pollami ed [p.75] altri provisioni in Valletta.  L’istessa mattina di buon ora li Casalotti del Zabbar portarono li carri, hanno aperto le polveriste e presero quasi tutta la polvere, e poi chiuserٍ tutte le porte, ed in una notte fabbricarono trincere tanto in Casal Zabbar quanto come nella Strada di S. Giuseppe, nella Misida, nella collina di S. Giuliano, in Casal Tarscen, ed in Casal Nuovo ed in un giorno fu tutto preparato e principiarono a combattere con la Valletta e quelli di Casal Zabbar con la Cottonera.

Uscirono diverse volte I soldati Francesi per la porta dei Capuccini della Vittoriosa in circa 1600 col Piloto della Strada il gran famoso Michele Barcaiolo cacciato (isiliato) parente dell’altro gran briccone Vincenzo (Barbara?) [22] e in tal combattimento hanno fatto la ritirata con 600 soldati di meno perche li Campagnoli oltre che sparano bene da dietro le muraglie delle clausure li circondarono e non gli fallira un tiro, e cosى circondati dalli Casalotti non peterono scappare.

Quelli soldati della Valletta andarono per la Misida ed in quella salita tra le muraglie delle clausure ed alberi di carrubi tiravano fucilati come gente disperata, e non gli fallisce un tiro ed hanno fatto la ritirata i francesi con gran perdita di soldati ed anche due cannoni di breccia che li lasciarono per la strada.

Li 17 Settembre venne l’imblocco dei Portoghesi [23] e di la a pochi giorni vennero pure l’Inglesi cha non lasciarono entrare alcun bastimento.  Finora siamo in continuo combattimento le quattro città sono rovinate dalle bombe; miseria molto grande [24] non abbiamo che fave, olio e formaggio.  Con tutto che la religione lascio gran quantità di provvisioni tutto è finito.  Continuamente vanno gente in campagna perche non si soffre più i patimenti e cosي le città sono spopolate e quando riverranno non nemmen troveranno una sedia perche tutto è stato assassinato e non si puٍ parlare: quelli pochi che restano sono a guardare la loro robba.

In casa dei particolari piantano erbe e li vendono molto a prezzi cari.  Li soldati Francesi piantarono diversi erbaggi nelli fossi e li vendono a peso d’oro.

[p.76] In questa città poca gente restà, parte uscirono e parte morirono per mancanza dei viveri.

Li soldati ammazzano cavalli, somari e muli e li vendono a ¼ il rlo.

In campagna fanno gran giustizie perche quella gente della Valletta che vanno in campagna tentano di fare la controrivoluzione.

Noi non sappiamo quello che si fa in campagna.   La Campagna sanno tutto perche con-tinuamente mandano li Francesi gente Maltesi esiliati in campagna. [25]

Verso il fine di Settembre 1799 entrٍ un piccolo bastimento Francese e portٍ cattive nuove su l’affare di Francia proveniente da Tolone.  Allora subito cominciarono ad armare con premura il vassello nuovo e gia stavano inbarcare le provvisioni e fare l’acquata.  Disarmavano le fortizze e i bastioni dalli cannoni per metterli sul vassello nuovo e presero mortari di bombe e cannoni di bronzo per la stiva del vassello e fin dal 26 Ottobre sono lesti alla vela tutti li due vasselli u due fregate Francesi: il vassello S. Zaccaria e la Fregata di Malta non son capaci di partire.

Il gran dispiacere che provai quando vennero li Francesi nel sentirmi dire dal Medico Abela se non levano il Tribunale di S. Officio, [26] io stesso farٍ istanza per essere levato, e questo fu verso li principi della loro venuta, ma quando lo tassarano si è pentito di tutto quello cha ha fatto cioè di essere arrolato per Cap.no di un regimento cittadino e cannoniere di difensione e che deve spargere il suo sangue.  Poi volse andare in Campagna e non ha potuto avere la licenza, alla fine dopo tanti sbattimenti uscى per la campagna.  Il vino di Alicante che era in casa del do. Abela è stato preso ma poi coll’intercessione del suo amico Bertis ci restituirono porzione, e Bertis prese qualche damegiana, pel suo fastidio.

La galera fabbricata in civitavecchia per causa di una bomba fece acqua e la portarono nel Manderaggio di Burmola dove si vendette la nave e già e già andٍ a fondo.

[p.77] Le lettere che trovai dentro la mia le consegnai io stesso in proprie mani.  Siamo in continuo combattimento ma le bombe fanno impaurire; per altro non vogliono li Casalotti far del male nelle città perche sempre vengono in Mare ma qualche d’una scappa e viene dentro la città.

Questo che ho scritto superficialmente perche ci vuole una risma di carta per notare tutto a minuto.  Ma Monsignore le ha giornate.  Io ebbi a dire più volte con Monsignore Vescovo sull’Archivio Criminale, e l’Archivio del’Inquisitore. [27]

Li 29 Ottobre 1799 [28] alle ore 9 di notte andarono in Caicchi con li soldati Francesi per abbattere quelli uomini che ingiuriarono la notte alli Francesi.  Subito che calarono nella Calcara e vicino la casa dell Commre. Vespoli li Casalotti andarono di sopra e si dattero addosso alli Francesi con trombonate, che restarono molti feriti e morti ed anche Officiali e tra questi il Genle. Baluard [29] ed il Segrio. suo, e fuggirono colli caicchi e vennero sfracassati che da 110 soldati non venne la metà. (Nota: L’ordine di Vaubois delli 7 Ott. per la sortita su Bichi era per scopo di toglierne il legname e sorprendere 1 …… 60 carabiniericolli loro ufficialita` e la direzione dell’aiut. genle. Brouard ne avean lo incarico.) [30]

Altra sortita li 30 detto per la parte de’ Cappuccini a Casal Zabbar.  Li casalotti avvisarono la guardia, a Castell Zabbar sonarono le campane per la gente e venne un esercito numerato, e li Francesi si ritirano sotto il bastione del Salvatore nella Porta della Calcara, e non si accostarono, ed il detto Castello tirava cannonati; poi ogni uno si ritiro nel suo paese.  Li Francesi hanno fatto il giuoco del lotto di quella robba, oro, argento, gioie che non sono venduti nel Monti e cosى con cinque grani si prendeva una poliza.

[p.78] Uscirono gente volontaria per la campagna da 350 persone per motivo di gran patimenti che sono insoffribili tanto piu che manco` l’olio.  Usci` anche l’Avvo. Muscat, oltre volte Uditore, si dice che subito lo mandarono al Gozo essendo uno delli sospetti; usci` anche l’Avvo. Bonavita.  Uscirono altri 260 persone per la campagna perche col solo pane asciutto nessuno puo vivere.

Li 19 Nov. in Marsamuscetto entrٍ una Freigatina con un Officiale Inglese accompagnata con un altra Freigatina Francese gli consegnٍ una lettera all’Officiale Francese ed addomandando il figlio del Sigr. Ammassatore Matthei in Palermo e subito fu consegnato.

Ogni giorno si scoprono trincere in campagna e superano tanto la Valletta come il forte Ricasoli ed il Castell Sant’Angelo e S. Elmo per la parte di Cappuccini della Vittoriosa e vicino la Chiesa di S. Rocco, e l’hanno provate e fecero gran danno all’abitanti con le bombe.  Continuamente sparano bombe con gran paura dell’abitanti e danno delle case.  Vennero diverse bombe e con gran paura dell’Abitanti e danno delle Vasselli Francesi perche crepٍ a suo bordo.  Venne una bomba nel palazzo del Gr. Mro. e sprofondٍ la prima sala che da per il Cortile della Ricetta. [31]

Li 25 Nov. uscirono continuamente per la campagna da 490 persone si puٍ dire che queste città sono spopolate.  Hanno levato il frumento a tutte quelle persone che avevano carità alla riserva delle stroppie che sono molte poche.

Continuamente si combatte con le bombe e cannonate.  Si è affisso un bando su le coperte di lana che ogni uno si porti nella municipalità a far la nota e provvedere la truppa.

Hanno levato la catena di ferro che vi era sulla punta delle Senglea infin la punta di S. Angelo acciٍ venendo l’Armata Francese puٍ entrare liberamente dentro.

Li Officiali Francesi, Inglesi, Portughesi, quando escano gente per la campagna si parlano con gran tenerezza da poco tempo in quà.

Si stan preparando li magazeni della marina piccola e grande acciٍ quando verrà l’Armata Francese li soldati hanno dove ritirarsi.

[p.79] Il Dr. Bertis prese in appalto li forni per fare il pane all’equipaggio Francese.  Comprٍtutto l’olio della Università assieme con altri due compagni e pagarono a conto 3000.

L’olio e frumento incominciٍ a mancare e cosى il frumento lo comprano li fornari e cosى per avere un pane gran folla. L’olio si vende per strada con l’assistenza di un scrivano ma ogni quindici giorni viene a vendere dell’oglio una misura.

Si è sparsa la voce che fra breve sarà la pace universale, tanto si dice delle Francesi.

Uscى volontariamente per la campagna da 90 persone da queste quattro città per motivo del patimenti del vivere.  Uscirono per la campagna tutte le zitelle dei conservatori per motivo dei mantenimenti.

Ieri il Vescovo mi chiamٍ e mi disse, che vuole l’Archivio della Rev. Fabbrica [32] o siano gli Atti Civili: ma io gli risposi: non consegnai alcun carta alla Repubblica perche mi finsi di esser malato, e V. S. Illma. vuole il do. Archivio.  Allora mi rispose: dite che sta da me in caso che sarete ricercato, allora io gli risposi: Il Sig Iddio mi liberٍ da quando io ebbi la spia che stavo per uscire carte per consegnare a V.S. e non mi fecero niente, anzi passٍ l’affare sotto banca, questo abbasta per mio regolamento e su questo particolare il Vescovo l’ha contro di me.

Dal primo Gennaio 1800 infin li 10 mai si sparٍ, questa quiete denota che è vicina la loro partenza ma come devo uscire non si sia.

Il Genle. Vobua regalٍ al Vescovo un bel pesce grande e 13 pomi. [33]

Il pane oggi è molto scarso e molti restarono senza comprarlo.

Morى un Officiale subito per strada e fu seppellito nella Floriana con li solti [p.80] ceremoni ad uso di guerra, si dice che questo strapazzٍ molto a quelli preti che in Gennaio passato un anno fa l’ha strapazzati. [34]

Incominciٍ la mortalita` delle soldati con li vermi. [35] Si fece una festina nell’Anniversario della decollazione de Re di Francia.

Li Casalotti non lasciano i Francesi a pescare e in Marsamuscetto hanno sparato contro con tronboni, ferirono li detti Francesi e gli presero le reti e le barche, e li sani andarono a nuoto al Forte Manoel.  Il pane attualmente poco si trova e con gran fastidio, l’oglio si vende a cr. 5 il quartuccio.  Vi è l’ordine del Genle. Francese che le fortezze e le trincere non sparano più.  Nell’anniversario della decolazione del Re di Francia hanno fatto un festino attorno all’Albero di libertà con sparare solame. la baracca e fucilate su li vasselli.  Predicٍ in Valletta il Genle. Vobua, nella Vittoriosa il comandante; nessuno delli Maltese venne a vedere alla riserva di quelli arrollati con loro e poche femmine, ma il paese è spopolato perche tutti in campagna. [36] Li Casalotti non lasciano le barche a pescare perche subito si sparano.  Il Vescovo è criticato perche ha la conversazione di Ransigiach, Schembri ed altri del loro partito.  La provvisione è finita non resta altro che frumento e molto cattivo, e li soldati si lamentano.  Cominciarono a fare il pane di Orzo per il popolo, ma fra pochi giorni finirà.

Fu in campagna il Sigr. Gio Francesco Dorel ma non son come anderà la sua villeggiatura.

Oglio non si trova e chi l’ha la vende a 5 il cartoccio.

[p.81] Morى su il parto la moglie del Fu Lorano [37] essendo maritata ad un Officiale Francese, e dopo pochi giorni è stata saccheggiata la casa intorno le gioie, ori ed argenti e le cose preziose e li loro genitori sono in campagna: non si sia il ladro.  Gran festino in Campagna ed in questa città; non si sa il perche.  Hanno messo in arresto il marito della moglie del do. Loran, quasi si è qualche sospetto sopra il medesimo di lei marito per detto saccheggiamento.

ب stato messo in arresto nella propria casa il Genle. Broluard, quello che era ferito in faccia e guarى.  Si dice su le provvisioni che mancarono; per altro vi erano gran risse fra il Genle. Vobua ed il do. Broluard e si diedero di ladri l’uno all’altro: gran discordie tra gli Officiali.

(Nota: L’Ajut. Genle. Brouard fu messo agli arresti di rigore a 26 Febb. 1800 et imbarcato sulla Guglielmo Tell col capno. Gastinel, prigioni, cadde in mano degli inglesi e fu ritenuto a Marsascirocco col Genle Dugua quando detta nave fu catturata nell’Aprile.) [38]

Entrٍ nel porto di Malta un Brich Francese con poco di vino e legumi, ma portٍ cattive nuove di Francia, si dice che vi sono tra loro gran ammazzamenti peggio di prima e le chiese aperte ad ogni uno gli si da il suo titolo.  Il vassello Francese sta aspettando in vento forte per uscire e scappare all’imblocco.

Fugى dalla casa paterna la figlia del Marchese Saverio Carbott Hasciach per fare un clandestino con un officiale, e si trovٍ che l’officiale era un ebreo, poi è stata riconsegnata a suo padre, il quale dopo pochi giorni andٍ in campagna con tutta la sua famiglia. [39]

[p.82] Li 29 Marzo 1800 il Vassello Francese [40] verso le ore undici di notte salpٍ dal porto di Malta e subito che arrivٍ le due punte di St. Elmo e Forte Ricasoli incominciarono a tirargli cannonate dalla Marsa, bombe dalla trincera di S. Rocco e quando uscى fuori le trincere delle Marine di S. Giuliano e l’altra vicino a Forte Ricasoli; incominciarono anche a tirargli delle cannonate e restavano a sparare infin un’ora dopo mezzanotte, allora li vasselli dell’imblocco lo accompagnarono infin la mattina e quell’istesso giorno lo presero e cadde prigioniero dopo sette ore di combattimento; vi sono morti da 150, feriti 400, e quando l’inglesi e Marinari Maltesi delle vasselli e galere di Malta saltarono dentro il vassello li spogliarono senza accettuare nessuno e restarono li Francesi e il suo equipaggio con quelli abiti che avevano sopra.  Le femmine passeggere e uomini Maltesi quando li portarono nel Porto di S. Paolo mandarono in case loro a domandare poco di biancheria ed abiti per coprirsi: il vassello lo presero in Messina per accomodare.  Il Genle. Caroana consegnٍ una donna francese prigioniera tempo fa, [41] essendo il suo marito Officiale di Francesi attualmente in Malta con avergli consegnato piccola provvisione.  Dalla medesima donna si è saputo che vi e` una fregata Inglese un poco danneggiata col combattimento e sta accomodare in Marsascirocco.  Li 8 Aprile 1800 comparvero diversi bastimenti moscoviti a bordeggiare in Canale.

Li 10 detto uscirono per la campagna volonte. da 40 persone e tra questi il Avvo. Torregiani con l’oro Argento e gioie rubate dalla casa Loran per consegnarle al Genle. Inglese e poi restitur li al padre della moglie di Loran gi morta su il parto essendo maritata ad un officiale Francese il quale partى col vassello dopo una carcerazione.

Il figlio di Fortune ossia Isouard (Suar) cadde prigioniero col vassello [42] e vanne nella porta delle bombe a domandare abiti e biancheria a suo padre, perche l’hanno spogliato come gli altri portarono al figlio di Suar alla porta delle bombe e consegnarono la detta donna Francese, perche ne il Genle. Vobua ne l’equipaggio vogliono credere che il vassello cadde prigioniero.

[p.83] Si è saputo che la fregata Inglese in M’Scirocco per accomodare l’equipaggio suo tutto Marinai Maltese delli Vasselli e Galere di Malta, il Capitano e` quel famoso Corsaro Saso (Mifsud) che attaccٍ il vassello Francese con armi bianche ed hanno fatto gran forza e bravura nell’arrembaggio [43]

Uscى la notte da porto di Malta una speronara con due Officiali, l’uno è quello che tentٍ di fare il clandestino colla figlia di Carbott carica di danari ed una lettera per Francia; già li Casalotti avvisano che cadde prigioniera.  Avvisarono pure li Casalotti che da Levante vennero li muscoviti e portarono diversi Maltesi che erano sulla galera di Malta.  Parى` dal porto di Malta la felucca della galera capitana con un Officiale Francese per capitano ed il Padron Di Barzia ossia Galiego per pilota e due marinari Maltesi, uno Michele Dilesi quello che era marinaro della freigatina, ed altro Michele agominato in Nassi e l’altri marinari Francesi; già li Casalotti avvisarono che sono prigionieri.

Li 25 Aprile fucillarono li tre soldati Francesi che ammazzarono quel uomo della Floriana in presenza di tutto il battaglione dietro la porta dove hanno fatto il caso, e portarono a vedere le due donne l’una era schiava battezzata complice con li soldati ed è stata condannata d’esser fucilata ma essendo gravida il Vescovo pregٍ il Genle. e fu liberata, l’altra donna di Burmola la portarono nel conservatorio; per altro non era complice.  L’uno delli soldati la Mattina si confessٍ e si comunicٍ e fu sepolto in S. Publio.

Li 26 Aprile 1800 uscى dal Porto il Cutter quello che portٍ provvisioni per li Francesi e subito cadde prigioniero; era carico di filato.

Li casalotti avvisarono alli Maltese che li Muscoviti sono a far la contumaccia in Messina e cosى si aspettano momento in momento.

Il Bertis appartatore del pane [44] della truppa con altri compagni si sta facendo il pane a 41.10 l’una per vendersi alli Maltesi perche il pane è scarso e il frumento sta al fine; perciٍ vi è gran lamento perche nessuno puo mangiarlo essendo pane di caniglia e semoletta grossa rimischiati.  Va ogni giorno prendendo mule dalli fornari acciٍ [p.84] non ponno macinare il frumento; il popolo è molto castigato da Bertis.  Frumento non si vende a nessuno fuorche a pochi fornari per fare il pane.  Il Vescovo per ordine del Genle. Vabua [45] ha avuto un sacco di frumento per non comprare del pane cattivo.  L’officiali Napolitani e Inglesi consegnarono all’officiale Francese una piccola cassettina con cioccolata per il Vescovo proveniente da Palermo; anche consegnarono lettere per il detto Genle.  Prese per prestito il Genle. Vabua dalli partitari del Forno della Religione quindici mila scudi cioè da Bertis, dal suo cognato l’arloggiere e da Emmanuele il Regattiere, ma li medesimi volevano il frumento, allora il Genle non si contentٍ e lo sforzٍ di sborsare detto danar, ma li medesimi hanno consegnato sette mila scudi per ora.

Disertarono per parte dei Cappuccini della Vittoriosa sette officiali. [46]   Li 4 Maggio 1800 verso le ore 10 di mattina entrٍ nel porto di S. Paolo un vassello ed una fregata e dal medo. porto si sentirono cannonate, pare che era un saluto e quelli dell’imblocco hanno fatto tutti bandiera Inglese; passٍ poi una speronara con bandiera inglese e andٍ i vasselli dell’imblocco, di là andٍ in Marsascirocco.  Alle ore undici della stessa mattina la città Notle. ha fatto un saluto di 21 tiro di cannone.  La notte poi la Città Notabile e tutta la campagna ed il Palazzo del Boschetto con illuminazioni, ma il vento si rinfresco non potevano accendersi, ma non si sa il perche questa illuminazione.

Il Vescovo mandٍ ordine a tutte le parrocchie di queste quattro città che non si suonano nel Pater Noster nel mezzo giorno nella prima Ave Maria li soliti tocchi prima che suona la Concatedrale e la notte non si suonano mortuori e nemen segni di agonia.

Li 5 Maggio la città Notabile verso le ore 10 di mattina ha fatto un saluto di 21 tiro di cannone.  La bandiera della Notabile delle Fortezze e delle trincere di campagna, sono Napolitane, tanto si è visto con li canocchiali.

Li 7 Maggio un officiale Inglese con tamburo battente consegٍ una lettera all’Officiale Francese alla porta delle bombe.  Verso mezzo giorno li vasselli [p.85] dell’Imblocco hanno aperto la bandiera Inglese e fecero vela ed andarono, lasciarono una fregata e quattro lancie.

Li 8 Maggio verso le ore nove di mattina un Officiale Francese portٍ una lettera in campagna, il dopo pranzo un altra lettera.  Si dice che sono già accordati li Napolitani e l’Inglesi con li Francesi che devono lasciare la piazza di Malta ed entra a governare Napoli.  Fra due giorni devono li Napolitani far partire per Francia tutti li Francesi prigionieri.

Li 16 Maggio 1800 l’officiale Buglion andٍ in campagna verso le ore 10 di mattina e tornٍ ad un ora sopra mezzo giorno a discorrere con li Genli.  Turri gli officiali maggiori ed altri officiali vanno vendendo galline ed altre provvisioni olio e conigli. [47]   Li 15 Consiglio di guerra e lettere per i Genli. della Campagna.  Li partitori del pane del forno hanno promesso al Genle. Vabua che con il frumento che vi è e la caniglia che hanno e quella che caveranno d’oggi innanzi ponno tenere la piazza altri otto mesi; allora il Genle. domandٍ un piano su questo particolare, e li partitari Bertis il suo cognato ed Emmanuele il Regattiere lo portarono il detto piano e lo sotto-scrissero.  Si tenne congresso il Genle. con l’altri Genli. e non fu accettato perche quel pane è a … anzi uno delli partitari fu licenziato.

Li 17 Maggio hanno licenziato tutti gli artiglieri e tutto il travaglio di ... in Forte Manoel vi era un parlamento tra li Genli della Campagna e quelli Francesi.  Li 20 detto entrarono in S. Paolo due speronare, una venne su un vassello dell’imblocco e fece diversi segni con banderuole e partirono alcuni bastimenti dell’imblocco.

Si dice che vennero sottoscritte dal Re di Napoli li Capitoli e cosى fra breve si deve prender possesso di Malta dalli Napolitani ed Inglesi.

Devono partire su una speronara Bertis, l’Avv. Schembri, Possielgua, Paolo Savona ed il doganiere Fremond, per altro ho gran difficoltà se scappano.

Vi è l’ordine di sbarazzare di sopra la Fregata la Diana quelle corde e legna per riparo alle bombe, acciٍ partono le due Fregate.  Li 22 do. finita la provvisione incominciarono a dare all’equipaggio Francese per pietanze, vino pasta e pane, altra cosa non hanno e frumento poco resta.  Li 23 do. incominciarono a dare il pane nero all’equipaggio ed anche vendere il pane al piccolo popolo che restٍ, fatto a conto delli Partitari e vi è un lamento grande perche il pane nemmeno li cani lo mangiono [p.86] essendo pane di caniglia mischiato con la simoletta.  Il frumento non si vende più al popolo che restٍ.

Li 26 Maggio li soldati hanno dato caccia a Bertis [48] per ammazarlo per causa del pane e non fu arrivato, si ritirٍ in una casa.  Il Genle. non sa di questo pane cattivo, e cosى vi è l’ordine che si dia di nuovo il frumento alli fornari pei fare il pane come il solito.  Li 28 il partitari del forno Bertis e Compagni hanno di nuovo promesso al Genle. che con la caniglia rimischiato con la semoletta puٍ tenere la piazza altri otto mesi.

Li 30 do. si dice che vennero li Capitoli sottoscritti dal Re di Napoli.  Le Fregate già sbarazzate pronte per partire.

Li 4 Giugno si face una illuminazione nel Palazzo S. Antonio, in Casal Zabbar e Gudia e nel Palazzo Muscat nell Gudia dove sono ritirati due Genli. Inglesi.

Li 8 hanno affisso una proclama nella Vittoriosa dove aveva per dire che per ordine del Genle. li abitanti di queste tre citta` Vittoriosa, Burmola e Senglea devono sottoscriversi nella municipalità per uscire nella campagna da mille e dugento persone e per sabbato devono essere pronti per andare in Campagna altrimenti saranno cacciati a suo genio senza prendere con essi alcuna cosa.  Altro simile per la Valletta per gli abitanti della medesima, e della Floriana che devono essere mille e trecento persone.  Nessuno della Valletta si sottoscrisse.  Li 16 Giugno uscirono per la campagna 85 persone volontarie.

Buttarono in mare una mezza galera e nell’istesso giorno era pronta per partire.  Altra proclama che tutti quelli Maltesi arrollati con la Republica e gli affezzionati con la medesima devono comparire all municipalità per avere il biglietto per il pane e si principia dalli 20 correnti.  Le sortite per la campagna hanno due volte la settimana il merocledi e il sabbato.

Li 16 Giugno  Gran saluto di tutte le fortezze e trincere della campagna con fuochi ed illuminazione.  Li 18 Giugno uscى la mezza galera dal porto ad ore nove di notte e si sentivano fuori cannonate.  Li 21 do. verso le ore sette della mattina dalla porta delle bombe uscirono gente per la campagna ma non furono ricevute e gli tirarono cannonate per li bastioni.  La notte tutte le fortezze e le trincere hanno sparato per la Valletta per S. Elmo e per Ricasoli.

[p.87] Le 24 il Vescovo, assiste nella Messa cantata, Vespri, e l’Arcidiacono ha fatto la funzione con li preti d’Obbedienza che cantavano in coro.  Li 28 continuamente le trincere di S. Giuliano e quelle della Misida sparano bombe e cannonate per Forte Manoel e Tignè e li sfracassarono, quasi sono viabili, venne una bomba nel Forte Tignè e prese fuoco la polverista e quelle bombe han fatto gran danno in detto Tignè mortalità dei soldati ed altri feriti e abbrucciati.  Nessuno dei soldati vuol andar a far la guardia per ciٍ fanno polize per sorte a chi tocca.  Il pane scarso ed è di cattivissima qualità, il Bertis sta trattando Maltesi da schiavi.

Li 3 Luglio 1800 il Vescovo la notte passata era dal Genle. Vabuà e restٍ in fin le ore dieci di notte non si sa se è chiamato o andٍ da se.  Si dice che in campagna ogni giorno fanno giustiziare gente a causa che si scopre una altra controrevoluzione.  Li 5 Luglio si è osservato con cannocchiale che nella fortezza della strada di S. Giuseppe vi sono cinque impiccati.  L’oglio si vende a cr. il quartuccio.

Li 6 Luglio è affisso un bando dove avvisa all’abitanti di queste tre città che per domani nessuno esce dalle loro case, dovendo li Commissari fare il confronto delle persone che hanno le polize per il pane e se qualcuno esce sarà catturato e castigato senza speranza di aver il pane; finito che sarà il confronto passerà per le strade un tamburro acciٍ che ognuno potrà uscire.  Il simile hanno fatto in Valletta.  Li 7 Luglio li Commissari depu-tati nel fare il confronto suddetto hanno domandato ad ogni capo di Famiglia che gente ha e l’eta loro, se ha frumento oglio e sale, e poi la perquisizioni e non hanno trovato niente in nessun casa.  Li Commissari deputati sono Officiali Francesi, li Scrivani Mal-tesi; verso le ore otto passٍ il tamburro per le strade, si aprirono subito le chiese.

Verso le ore nove di mattino un vassello dell’imblocco essendo calmo il mare ed il corrente lo portٍ sotto il Ricasoli, allora S. Elmo ed il do. Forte gli tirarono delle cannonate; il trincere di S. Rocco e S. Giuliano tirarono per il Forte S. Elmo e Ricasoli, le trincere della Misida contro le bastioni delli molini a vento; l’altre trincere contro Forte Manoel e Tignè; durٍ questo combattimento infin mezzogiorno.  Il doppo pranzo hann fatto l’istesso ed ogni giorno bombe e cannonate.

Li 11 Luglio 1800 la mattina si vidde affissa una satira [49] di 24 versi nel cantone della piazza della Valletta dove tratta malamente a Bertis ed a Emmanuele il Rigattiere partitari delli forni del pane e li mostra che il pane di caniglia viene costare grani 15 [p.88] l’una e lo stan vendendo a tarى 3 l’una che il giorno rifiutano da rotoli 600; loda la generosità dei Francesi e finisco detta satira che al verde Tribunale vi aspetta e li si farà il banchetto, ed è stata levata dall’Officiale Buglion e la consegnٍ al Genle.

L’Officiale Buglion per due volte andٍ a far parlamento dalla porta delle bombe e non fu accettato dalli Genli.  Continuamente sparano.  Si dice che in campagna vi sono li muscoviti.  Il pane molto scarso, diversi restarono senza pane.

Li 14 Luglio verso le ore otto di mattina nella piazza della Vittoriosa venne il Commandante di piazza accompagnato con il presidente della municipalità attorno all’Albero essendo il giorno anniversario dell’Albero di Libertà piantato in Valletta; si è perorato dal do. Commandante che la vittoriosa armata dei Francesi si ritrova in Italia, perciٍ fra breve prenderà l’Italia, ma non si è salutato ne con schioppi ne con cannoni come il solito e dei soldati gridٍ viva la Republica.  Verso le ore della sera hanno fatto l’istesso in Valletta, ma tutti alla muta.

Li 17 Luglio entrarono in S. Paolo prigionieri una Fregata ed una cavetta Francese carrighi di provvisioni, farina, ardo, vino e legumi e l’incontro seguى tra il Capo S. Demetrio e il Capo Passero.  Hanno fatto li biglietti per il pane ed alcune famiglie presero frumento.  Un Cavaliere uscى fugitivo per la Campagna e prese un pane per farlo mostrare a quelli Genli.  Li 21 Luglio si trovٍ piantata altra Satira contro Bertis e gli appartatori di pane, essendo il pane di caniglia, col orzo e tutte pietre, ed incominciٍ a fare il male.

Lie 22 detto   Pioggia forte con tuoni, lampe e saette che durٍ tre ore, in Valletta suonarono le campane.  Mancٍ legna per abbruciare ed il Genle. ordinٍ che si rompesse la Fregata Francese molto vecchia.  Continuamente sparano.  Li 25 Luglio devono li Francesi verso le ore nove di notte fare una sortita di tre colonne di 200 soldati l’una, cioè della porta della Calcara per li Cappuccini, altra con li caicchi del fondo della Calcara e la terza dal Forte Ricasoli per sfabricare la Trincera che vanno fabbricando dietro li Cappuccini della Vittoriosa;  ma li soldati non volsero andare a fare questa sortita come infatti non andarono.

Li 27 Luglio il Genle. Vobuà dopo pranzo si portٍ nella Chiesa Concatedrale di San Giovanni per vedere gli organi [50] e poi girٍ tutta la chiesa e vidde negli rispettivi [p.89] Musolei dei Gr. Mri. coll’insigna della bandiera della Republica per ordine di chi, allora li servienti risposero per ordine del Genle. di Renٍ, e cosٍ ordino che si levasse quella bandiera della repub. e si mettesse di nuovo l’arme delli rispetti Gr. Maes. conforme erano prima, come infatti l’indomani furono scorticati e comparvero le arme de’ rispettivi Grandi Maes. che erano di sotto.

Le continue cannonate e bombe si sono rovinati li Forti Tignè e Manoel ed anche i soldati, ed il Forte Tignè con le bombe prese fuoco la polverista con tutte le bombe che aveva con mortalità ferimenti ed abbruciamenti de` soldati.  Diverse bombe vennero in Valletta e specialmente attorno al Palazzo Magistrale e rovinarono tutte le vetrate e balconi che vi sono nelle piazze e nella scesa del Palazzo Versovile.

Li 5 Agosto 1800 le lance presero una speronara maltese con bandiera della Republ., la trovarono sotto terra vicino S. Giuliano verso le ore dieci di notte che stava per entrare in porto essendo l’imblocco molto attento.  L’imblocco la notte sarà di 28 bastimenti tra vasselli, Fregate, Cuter, caicchi e fregatini delli medesime Vasselli, lance e speronare dalla punta di S. Giuliano infin sotto la chiesa di S. Rocco vicino il convento dei Cappuccini della Vittoriosa.

La vigilia di San Lorenzo verso mezzo giorno erano lampi e tuoni senza pioggia e cessٍ subito;  a far del giorno nella festa di S. Lorenzo venne un temporale da ponente e fece un vento forte con pioggia che restٍ tre quarti, poi il vento cambiٍ in libeccio e cessٍ .  Per la festività di S. Lorenzo il Vescovo non venne per assistere nella chiesa; per altro mandٍ il Dozello con suo strato di velluto rosso e lo posero in cornu evangeli, dove mai li Vescovi hanno messo il loro dozello, strato, in questa chiesa di S. Lorenzo.  Non vennero il Presidente e la municipalità della Repub. Francese per assistere nella Messa, nemmeno li prepararono il luogo.  Non si fece alcuna funzione della piazza della Libertà.

Li 11 Agosto si stan preparando le due fregate Francesi, essendo l’ultimo quarto della luna pensano di partire scappare l’imblocco.  Li 12 do. il Genle. ha fatto un consiglio genle.  Li 13 detto il Forte Manoel han preparato le tavole, tapeti presi dalla chiesa di S. Giovanni e sedie; si dice che devono incontrarsi li Genli. di Campagna per discorre.  Li 14 do. Forte Manoel si fece un parlamento.  Li 15 uno dei Genli. Francesi andٍ in campagna e tornٍ .  Tutto l’equipaggio Francese è molto agitato.  Li 17 Agosto la sera a tardi comparvero tre sciambecchi Napoletani.  Li 18 do. venne [p.90] ordine dal Genle. che si levassero da sopra il vassello di Malta e dalle Fregate Francesi quella corda e legna fatte per riparare dalle bombe da sopra la coverta de` medesimi, e subito portarono i barconi per mettere detto corda e legna sopra li medesimi.

Si è osservato con canochiale che nella strada di S. Giuseppe vi era raccolto il reggimento di soldati; pare che hanno fatto giustiziare gente.  Li 21 Agosto ha dato pranzo a tutti li Offli. Maggiori e tra questi Bertis e Maurin.  Il vassello e le fregate hanno sbarazzato le corde e legna che avevano sopra per riparo da bombe. Si va allestendo la mezza galera per farla partire la sera.  Hanno preso in Valletta lo stendardo del Reggimento.  Fuggirono due marinari Francesi destinati per partire con da. mezza galera, e prese li stendardi, ed è molto carica con denari ed argento; d’equipaggio 80 persone Francesi.

Li 23 Agosto le fortezze della campagna spararono molte cannonate e bombe per la città e molto più per la Valletta.  Rovinarono molte case nella strada di S. Paolo cioè la casa del Sign. Avvo. Borg Olivier ed un’altra casa vicino alla casa del mercante Mirabelle, la casa di Loran e del Sign. Avvo. Casha; un cannone delle torre dove li preti andavano a giocare le boccie nell Vittosa. [51] si divide in due pezzi perche venne una bomba di sopra.  Si stan preparando l’altra mezza galera ma ancora in terra.  In campagna si fece un saluto nel Porto di S. Paolo che un altro nel la Notabile.

Li 24 Agosto levarono la Catena che era attaccata nella punta della Senglea e del Castello Sant’Angelo.  Con gran premura van allestendo le due Fregate Francesi La Giustizia e la Diana [52] con Equipaggio di 80 persone ciascuna hanno inbarcato la polvere.  Alle ore undici di notte uscirono le due Fregate dal porto e subito Corradino le ha fatto segni con razzi d’aria e le trincere ci hanno risposto.  La trincera della Marsa sparo` due cannonate per le Fregate essendo sotto lo spedale e quando erano fuori le trincere di S. Rocco e quelle di Giuliano ci hanno sparato.  L’imblocco ha fatta fumata artificiale che compariva giorno e salpٍ verso un’ora sopra mezza notte, si sentivano da 30 cannonate e girٍ il vento in maestrale che non potevano seguitare avanti il viaggio.

[p.91] Li 29 Agosto 1800 hanno consegnato il frumento al forno infin tutto il venerdى per il Popolo ed il resto del frumento alli magazzinieri per dallo a quella gente che prende il frumento invece del pane e ciٍ per sette giorni e mezzo.  E cosى finito tutto il frumento.

Li 30 Agosto do.  Buttarono in mare la mezza galera o Caleotta nuova e domani farla partire.  Li 30 Agosto li soldati Francesi hanno l’ordine di camminare con sciabole avendo la notte passata avuta una caccia delli Maltesi mentre facevano la pattuglia in Valletta. [53]

Li 2 Settembre si fece un Consiglio di guerra [54] di tutti li Genli. e tutta la Officialità per fare la lettera dei Capitoli per cedere la piazza di Malta.  Li Cavri. Ransigiac e Desain opposero perche pane nella piazza ancor si vende e volsero prolongare altre due giorni, per altro li Genli. non volsero anzi questa lettera si fa dal più presto e a detti Cavri. quasi li trattarono da traditori della Religione; intanto si stabilى per giovedى che devono mandare in Campagna detta lettera per l’approvazione.

Li 3 Settembre 1800.  La notte verso le ore nove si sentirono cannonate fuori in canale e verso ore dieci le fortezze della Misida e le trincere e le fortezze di S. Giuliano hanno sparato a fuoco vivo contro Tignè e Manoel essendo accostata sotto terra una lancia, e Tignè le tirٍ due cannonate, allora la detta lancia cominciٍ a sparare contro li detti Tignè e S. Elmo e bombe per la Valletta ed accostarono altre tre lancie che hanno tirato molte cannonate per li detti Forti.

Li 4 Settembre [55] alle ore cinque di mattino uscى dalla porta delle bombe l’Offle. Buglion con una lettera e andٍ in Campagna e fu ricevuto dalli Offli. Napolitani, Inglesi con gran pulizia e tornٍ subito e nella stessa mattina detto Buglion uscى due volte per la campagna con risposte.  Verso mezzogiorno entrarono dalla porta delle bombe due Offli. Inglezi ed andarono in Palazzo Magle., uno di loro restٍ in Palazzo, l’altro tornٍ in Casale con un Officiale Francese e restٍ l’Offle. Inglese discorrere col. Genle. e restٍ a pranzo col Genle.  Verso le ore tre venne dalla Campagna l’altro Offle. Inglese [p.92] con l’Offle. Francese e detto Offle. pare che è qualche capitano perche differenziato nelle spallette e tutta la città nel passare dalla piazza lo saluta ed il medo. con gran gentilezza restituisce il saluto, ed entrٍ in Palazzo e restarono in Valletta.  Già non si spara più essendo l’armistizio; tutta la campagna sotto li bastioni a discorrere coi soldati Francesi.  Nella porta delle bombe entrano li soldati Napoletani, Inglesi e Maltesi [56] a discorrere con li soldati Francesi e dalla campagna portano da mangiare e fecero una merenda ed anche entrarono nella Floriana.

Li 5 Settembre.  Di buon mattino dalla Cottonera li Maltesi della campagna chiamarono gente acciٍ venissero su li bastioni a discorrere con le loro famiglie della Vittoriosa.  Li è affisso nel cantone della piazza della Valletta o Vittoriosa un avviso a questi abitanti da quelle persone che desiderano portarsi in Francia che si portano nella municipalità a sotto-scriversi dal più presto.  Verso le ore quattro dopo pranzo entrٍ il battaglione della campagna dalla porta delle bombe per la Floriana composto di soldati Inglesi, Napoletani e Maltesi e sono in guardia in detta Floriana.  Verso le ore cinque marciٍ altro battaglione di soldati dalla trincera di S. Rocco per il forte Ricasoli e subito che entrٍ dentro tirٍ una cannonata ed alzٍ bandiera Inglese.  Verso le ore cinque e mezzo entrarono dentro il porto due vasselli ed una Fregata Inglese [57] e le quattro lancie Napoletane restarono sotto lo spedale.  Nell’istessa ora s’impadronirono della fortezza Tignè con soldati Inglesi, Napoletani e Maltesi marciarono dalle trincere di S. Giuliano; entrati che furono in detto Tignè hanno tirato una cannonata ed alzarono la bandiera Inglese.  La notte non lasciarono la pattuglia di queste quattro città e nessuna persona di restare fuori per strada nelle loro case ma ogni uno chiuso dentro la sua casa.

Li 6 Settembre ponente libeccio.  Hanno levato da sopra le porte delle chiese l’arme della Republica.  Entrarono nel porto nove bastimenti di trasporto provenienti da Marsa-scirocco per imbarcarsi sopra li medesimi l’Equipaggio Francese.  Tutte le porte della Valletta chiuse.  Verso le ore dieci di notte hanno levato l’albero di Libertà pianto in mezzo la piazza della Vittoriosa.

Lie 7 Settembre 1800.  Vento mezzogiorno scirocco.  La mattina s’impadronirono della fortezza Forte Manoel e del castello S. Angelo, subito hanno innalzato la bandiera Inglese.  Nessuno di campagna anche gente di queste città trovandosi in campagna [p.93] non ponno venire nelle loro case prima che si ritirano li Francesi e venendosi subito carcerati e mandati di nuovo in campagna. [58]   Nella porta delle bombe si vende ogni sorta di cose commestibile.

Li 8 Settembre alle ore dieci di mattina li soldati Francesi di queste tre città si sono ritirati in Forte Manoel.  Alle ore undici venne un regimento grande di Casal Zabbar composto di Maltesi, Inglesi e Napoletani, [59] porzione restٍ nella Cottonera, altra piccola nel Palazzo Inquisitoriale, altra simile nella Prigione di schiavi ed il resto andٍ nel Castello S. Angelo per rinforzo con gli altri che giorni sono s’impadronirono di detto castello.  Nel Palazzo Inquisitoriale restٍ senza Offle. col corpo di guardia solamente.  Tutti li Giacobini [60] si sono imbarcati su li bastimenti con li soldati Francesi che devono partire.  Nella piazza della Vittoriosa si vende carne fresca di vacca.  Domani entrano le altre provvisioni.  Partirono due bastimenti con soldati ed alcuni Maltesi perche temono delli Casalotti.

Li 9 Settembre.  Già  principiarono a portare provvisioni dalla campagna.  Alle ore dieci di mattino venne tutto il battaglione della campagna per entrare nella Valletta.  Li soldati Francesi calarono tutti con armi sulle spalle e quando vennero al nolo della Valletta tutti disposero le armi, s’imbarcarono ed anche Maltesi inalberarono la bandiera Inglese in S. Elmo.  Vennero li due cavalieri Ransigiac e Desain per imbarcare per strada; alcuni Maltesi li parlarono male [61] e l’ingiuriarono e si dice che li buttarono delle pietre che erano costretti a tornare indietro per scansarsi dalla furia di quelli e cosى colarono li Genli. ed Offli. Francesi e s’imbarcarono ed entrarono gli Offli. Inglesi e s’impadroni-rono della Valletta e li bastimenti fece vela e partirono; parti la mezza galera con Bertis e Compagni ed altri della Valletta ed anche l’Avv. Schembri.  In quell’atto dell’entrata in Valletta cominciarono a suonare le campane; allora incominciarono ad entrare gente per ritirarsi nelle loro case con licenza in iscritto.  E` uno sbattimento per questa gente perchè nessuno trovٍ robbe nella sua casa ma tutto [p.94] svaleggiato e senza finestre, altre senzo tetto perchè presero li travi ed altri le loro case rovinate e precipitato colle bombe.  Per mancanza di bastimenti restarono soldati in forte Manoel e sopra il vassello di Malta ma fra breve partiranno.

Li 10 Settembre 1800.  La piazza di Burmola piena di frutta, pane ed altre provvisione d’ogni sorte di commestibili, lo stesso in Vittoriosa. [62]   Le porte della Valletta aperte.  Nel conservatorio Sagnani portarono una porzione di soldati.  Non posso dare alcun ragguaglio della campagna prima che verranno gente della detta campagna.  Altra porzione di soldati hanno portato nelle carceri Vescovili.  In Casal Zejtun hanno seppellito gente non solamente nella Parroccia ma anche in S. Gregorio ed in una clausura.  L’istesso in Birchircara.

Li 11 Settembre.  Diversi bastimenti entrarono nel porto con oglio, vino frumento legna carbone ed altre provvisione provenienti da S. Paolo e da Marsascirocco.  Presero carcerati gente della Valletta; si dice che sono sospetti.  Venne in Valletta nell Palazzo Magistrale il Genle. Ball. [63]   Mgr. Vescovo mando` una lettera circolare alli Parrochi di questa citta` perchè faranno nelle loro chiese tre giorni d’illuminazione nella facciata delle loro rispettive chiese cioè il Venerdi il Sabato e la Domenica sera, e che nella Domenica dopo finita la Messa Parrocchiale cantano il Te Deum in Ringrazziamento.  Nel Palazzo Inquisitoriale abitano due Comandi. Inglesi.

Li 12 Settembre.  Entrarono nel porto diversi bastimenti con provvisioni. [64]   Il Vescovo ha fatto visita al Genle. Ball.  Il primo giorno d’illuminazione in queste quattro città ed anche in campagna.  Ball restituى la visita a Monsig. Vescovo.  Li 13 detto secondo giorno d’illuminazione.

Li 14 detto.  Il Vescovo ha fatto Pontificale in S. Giovanni [65] assistito dalli Canonici della Cattedrale.  In coro vi erano Canci. della Cattle. ed anche preti conventuali di S. Gio. Comedri. alla rinfusa nelli stalli corali vestiti tutti con Rocchetto e Pianeta, Monsgr. Priore in Coro vestito con Rocchetta e mozzetta.  Li Balى e Cavri. su li [p.95] banchi nella platea come il solito.  Il Genle. Ball nel piano sotto il pulpito fuori del Presbiterio con sedia di velluto cremisi con galloni d’oro e strato di velluto simile.  Il Genle. di terra vicino il detto Genle. Ball con sedia e strato di Damasco Cremisi.  Hanno avuto l’incenso da un Prete con Cappa.  Dopo la Messa si cantٍ il Te Deum con il saluto di cannone della Torre Cavalier.  La notte l’ultimo giorno d’illuminazione in questi tre giorni.  Nominٍ quattro giurati e sono il Sigr. Marchese Alessi, il Sigr. Marchese Delicata, il Sigr. Barone Gauci, il Sigr. Grugnet. [66]

Li 15 Settembre 1800.  Nominٍ il Giudice Criminale Sigr. Avv. Borg Olivier, Giudice Civile il Sigr. Giuseppe Casha della Cospicua, il Sigr. Castagna del Zeitun, della Senglea il Sigr. Noto Caruana, Vitale della Notabile.  Li Sigr. Balى caminano per la Valletta con la Gran Ce. in petto, spada e servidore.  (Nota: Da ordine del Vaubois al Dublet dei 14 Luglio 1800 si apprendono i nomi di alcuni cavalieri stati entro la Valletta fin allora; Chegui, Belmont, Rabasteur, Vinson, Rayberti, Waltours, Leammons, Latour, Pestille et Ballet.) [67]

Entrٍ un bastimento con frumento proveniente da Sicilia.  Hanno fatto un bando che nessuno ardisca di ingiurare o bastonare alli Giacobini, ma è obbligato a rivelare in Castellania chi sono sotto pena di fucillazione. [68]   Questo bando è fatto perchè il Popolo vedendo un Giacobino lo bastona.  Mandٍ I biglietti al Sigr. Posselgues che fra tre giorni partirà da Malta, al Sigr. Not.o Gavino Bonavita fra 24 ore si porti in Forte Manoel e resterà con li soldati Francesi acci َ partirà con loro.  Al Sigr. Mallia altre volte Tesoriere dell’Università termine di tre giorni che parte da quest’Isola.  Nominٍ il Giudice d’Appello il Sigr. Avvo. Muscat nipote del Sigr. Avvo. Buttigieg.  Nominٍ li tre uditori il Sigr. Ale. Conventuale Bruno il Sigr. Avvo. Xerri il Sigr. Avvo. Zammit, altre volte uditori.  Nominٍ il Giudice del Consolato il Sigr. Avv. Caruana figlio del Not.o Caruana.  Si sono affissi nelle piazze della Valletta e della Vittoriosa quattro ordini di Sua Eccellenza: (1) Chi ha pretenzione su li bastimenti che comparisce.  (2) Per quelli Parenti di quelli uomini fucillati per essere commiserati.  (3) Per quelli che hanno somministrato danaro alla campagna per essere sodisfatti.  (4) Per quelli che hanno qualche credito contro Possielgues, Mallia, L’Avvo. [p.96] Calcedonio Fenech e l’Avvo. Libreri che si presentino le loro ragioni in corte infin Sabato altrimenti havranno alcun gius.

Li 20 Sett.  Entrٍ una Fregata Napna. portٍ gran danaro.  Partirono due bastimenti con soldati Francesi, uomini e femine Giacobini Maltesi.  Partى pure il vassello Inglese Generoso con soldati Francesi e restٍ altra porzione.

Li 22 Sett. presero possesso li Giudici Ministri ed altri membri della Castellania.

Entrٍ un bastimento con frumento.

Ho data a V.S. Illma. una relazione superficiale altro non occorre; mi raccomando alle buone grazzie de V.S. Illma. e con piena stima mi dichiaro.

Trasmetto le lettere che trovai nella porta due anni e mesi sono, sempre ho memoria.  Soli V.S. si ricordi di me.  Devmo. ed obligmo. Servre.

(Sacte.) IGNAZIO DEBONO [69]



[1] A. Bonnici, Storja ta’ l-Inkizizzjoni ta’ Malta, III (Malta, 1994), 500-36; Idem, Medieval and Roman Inquisition in Malta (Malta, 1998), 283-93.

[2] Cf. Bonnici (1994), 540-1; Bonnici (1998), 295-6.

[3] C. Testa’s first work about the French in Malta was written in Maltese and entitled Maz-Zewg Nahat tas-Swar, 3 volumes  (Malta, 1979, 1980, 1982).

[4] J. de Bosredon Ransijat, Journal du Siege et Blocus de Malte (Paris, 1801).  It was translated into Italian and entitled Assedio e Blocco di Malta (Malta, 1843).

[5] V. Azzopardi, Giornale della Presa di Malta e Gozo dalla Republica Francese e della susseguente Revoluzione della Campagna (Malta, 1836).

[6] F. Cutajar, L’Occupazione Francese di Malta nel 1798, ed. G. Curmi (Malta, 1933).

[7] S. Fiorini, ‘From the Diary of a Priest in Senglea during the French blockade’, Melita Historica, viii, 3 (Malta, 1982), 234-60.

[8] C. Testa, The French in Malta 1798-1800 (Malta, 1997), 849, describes this diary as ‘written by somebody from the countryside, recounts events happening between 2 August 1798 and 2 February 1800’.

[9] For information about Lorenzo  Bugeja cf. W.L. Zammit, Fir-Rabat ta’ Malta 1798-1800 (Malta, 1998), 17, fn. 7.

[10] G. Ellul, ‘The French Invasion of Malta: An Unpublished Account’, Hyphen, i, 3, (Malta, 1978), 3, fn. 7.

[11] Testa (1997), passim.

[12] Writing in 1800, Rev. Debono leaves no doubt as to his opinion of the French Knights and their supporters in “treason”.

[13] Footnote probably inserted by the original transcriber: “Non è da dimenticarsi l’imperdonabile  indolenza addimostrata nella circostanza da Gr. Mro. Hompesch.  Egli era stato avvertito dagli agenti dell’Ordine al congresso ... che l’armata francese avendo per obiettivo.  Il Bali’ di Seli…”.

[14] Footnote probably inserted by the original transcriber: “Tronro. del Pelville de Marmas”.

[15] Footnote probably inserted by the original transcriber: “opposizioni delli abitanti trinceratesi”.

[16] This reference to atrocities, such as rape and pillage by the invading French soldiery, finds little mention in the historical published accounts; but refer to Cutajar’s Giornale for “zitelle infette dalle galliche garbatelle”, and for Napoleon’s immediate imposition of discipline on his troops.  It certainly accounts for the fury of the Maltese casalotti in revolt after barely three months.

[17] Cf. Testa (1997), 48.  It was General Vaubois, not Napoleon, who received the keys of Mdina.

[18] Another footnote by the transcriber: “Non e’ esatta relazne. della Capne”.

[19] Avvocato Gaetano Bertis was appointed President of the Municipality of the East (which included Vittoriosa) and given charge of the distribution of bread rations.  In this connection, he will be mentioned frequently further on.  Obviously, he was much disliked by Debono and other Maltese.

[20] Michele (?surname), is later referred to as “parente dell’altro gran briccone Vincenzo (Barbara?)”, the most notable Maltese collaborator with the French (together with Vassalli).

[21] This is the earliest reference to the elevation by the French of St John’s church to Co-Cathedral status; it appears also in the Diario Anonimo.  It may be regarded as significant in relation to controversies regarding State/Church ownership of St John’s.

[22] Cf, supra, fn. 20.

[23] The accurate dating of this and other events of 1798 point to Debono’s keeping of notes if not of a diary at this time.

[24] With reference to fn. 23 supra, Debono now seems to be writing about the state of deprivation several months after September 1798.

[25] A significant revelation of the isolation of the French (and Maltese) besieged “within the walls” of the fortress towns.

[26] A first reference to difficulties experienced by Debono as custodian of the Inquisitor’s Office; vide infra.  I have not identified the “medico Abela”.

[27] See also fn. 32 infra.  Debono’s judicious prudence in guarding the Inquisitorial Archive has proved to  be of great benefit.  See my introduction.

[28] Note this exact date (and time) and other details of a specific event, denoting the copying of a diary entry.

[29] ‘General’ Brouard (note Debono’s unfamiliarity with the French language) was wounded in the face and jaws.

[30] This note was inserted by the original transcriber of Debono’s letter.

[31] Interesting details of damage from the insurgents’ bombing of Valletta, other forts and French ships. Similar details for Senglea occur in Baldacchino’s diary.

[32] Debono confronts Bishop Labini in the matter of the Inquisitor’s Archive.

[33] Some light relief from the rigours of the siege!  This item of gossip from Valletta reached Debono in Vittoriosa and Baldacchino in Senglea simultaneously.  Further on, other compliments, such as a special ration of grain, were paid by Vaubois to the Bishop.

[34] This brief and oblique reference obviously relates to the most dramatic event of the Siege, the Lorenzi/Xerri attempt to take Valletta in January 1799.  Its wording and appearance at this point of Debono’s account is a sure indication that in January Debono was not yet keeping a proper diary.  It is debatable whether the officiate’s treatment (strapazzo) of the “preti” can be taken to indicate torture or similar ill-treatment.

[35] A solitary reference to the medical condition of the besieged French troops (and Maltese).

[36] Debono notes with some details the French celebration of the anniversary of the execution of Louis XVI. Here it is interesting to remark that the priest Debono does not seem to have learnt of the death of Pope Pius VI at Valence on 29 August 1799 (or of the succession of Pius VII on 14 March 1800).  On the other hand, the Rev. Baldacchino of Senglea does record the Pope’s death in an entry for 30 January 1800, while the Diario Anonimo had already noted it on 16 October 1799.

[37] For a full account of this colourful episode of death in childbirth, simulated burglary, etc. cf. Testa  (1997), 733-44.

[38] The note here is inserted by the transcriber of the Lettera.  The lady who died in childbirth was Giannina (widow of “Loran” Lorenzo Fontani) who had married a French officer, Gastinel, a protégé of General Brouard.  Gastinel’s attempt to steal his wife’s jewels led to trouble with General Vaubois,  who despatched him from Malta on the ill-fated Guillaume Tell.

[39] Another colourful incident to relieve the tedium of the siege.  I have no details of the elopement of the  Marchese’s daughter with a French (Jewish) officer.

[40] Debono covered in some detail this important event of the attempted escape of the Guillaume Tell; but  cf. Testa (1997), 745-68, for a full account.

[41] This French lady was taken prisoner from the “Generaux”.  The reference acknowledges Rev F. X.  Caruana as a “General” of the insurgent Maltese forces.

[42] This interesting detail about an Isouard being captured on the Guillaume Tell appears also in the Diario Anonimo.  He was not Nicolo`, but another son of Fortunato (Fortune) Isouard.

[43] Who was this “famoso corsaro Saso” who took part in the boarding of the Guillaume Tell? The surname  Mifsud was inserted by the transcriber of the manuscript.  Other notable Maltese mariners are named in  the next paragraph.

[44] Bertis gets into trouble over the shortage of grain and bread.  Cf also fn. 48 infra.

[45] The Bishop, thanks to Vaubois, gets favoured treatment with the precious grain, while thanks to the  courtesy of the blockading forces, he enjoys a present of chocolate.

[46] There is nothing in Testa (1997) like this record of desertion of seven (French) officers.  On the other hand, the Diario Anonimo does record some Irish soldiers deserting from the Anglo-Maltese side.

[47] The besieged French are near the end of their tether with senior officers having to sell their scanty provisions.  Even General Brouard gets hauled up before Vaubois for this.  Cf. Testa (1997),768, fn. 48.

[48] The vital bread ration gets to the depths of quality and scarcity.  Bertis gets the blame and suffers the consequences.

[49] The helpless Maltese enclosed “within the walls” react to their misery in the only possible way: raising  satirical laments on Palace Square.  At least two instances are recorded, also by the Diario Anonimo.

[50] Vaubois and his entourage find time to relax with an organ recital at the Concatedrale of St John’s.  The Diario Anonimo mentions the organist by name: Isouard.  Debono’s account of the decoration of the mausolea is identical with that of the Diario which, however, also adds that Vaubois gave a tip to the sacristan.  Reynaud (Renٍ) had left Malta on the night of 9/10 November 1798. Cf Testa (1997),412.

[51] More details of damage from bombardment in Valletta, while from Vittoriosa we learn where the local priests relaxed over a game of boccie.

[52] Escape of the frigates La Justice and La Diane.  Debono does not mention the capture of La Diane by the blockading forces.  La Justice managed to elude its pursuers and reached Toulon on 2nd September. Cf Testa (1997), 805-6.

[53] French patrols in Valletta had to be armed to carry out their rounds.

[54] The end is nigh!  On 2nd September 1800, Vaubois assembles his Council of War to draw up the terms of capitulation, and finds some opposition.

[55] 4th September: Beaulieu at Portes des Bombes parleys with the British and Neapolitan officers.  An armistice is declared.

[56] British, Neapolitan and Maltese soldiers at Portes des Bombes.

[57] Ships-of-the-line from the blockading British Royal  Navy enter Grand Harbour.

[58] Maltese from the countryside (campagna) were barred from entering the cities before the French were evacuated.

[59] Maltese, British and Neapolitan troops from the Zabbar contingent enter the Cottonera.

[60] The “Jacobins”, Maltese and French, depart.  Debono has adopted the pejorative term for the “traitors”.

[61] The Maltese insult and molest some Jacobin knights.

[62] At last!  Plenty of fresh food in the Cospicua and Vittoriosa markets.

[63] This is the first mention by name of “General” Ball, entering Valletta.

[64] Ships with provisaions in Grand Harbour.

[65] Pontifical High Mass by Bishop Labini in St John’s.  Ball and Major General Pigot (Genle. di terra) attend.

[66] Four new Maltese Jurats nominated, followed by Judges, etc.

[67] Note probably inserted by the transcriber, giving the names of some knights who had remained in Valletta during the siege.

[68] Bando forbidding the molestation of Giacobini on pain of death.  Poussielgues and others to be expelled.

[69] Thus Ignazio Debono ends his letter, his last entry dated 22nd September 1800.