Copyright © The Malta Historical Society, 2005.

Source: Melita Historica. [Published by the Malta Historical Society]. 3(1961)2(60)

[p.60] Rev. A. ZAMMIT GABARRETTA, D.D., B.A., Canon Theologian of Vittoriosa. The Presentation Examination and Nomination of the Bishops of Malta in the Seventeenth and Eighteenth Centuries, Malta University Press, 1961, 5/-.

Diamo il cordiale benvenuto a questo interessante lavoro del Can. Ant. Zammit Gabarretta. Ai cultori della storia della Chiesa di Malta non torneranno nuovi gli accenni, i numerosi nomi e le fonti elencati, ma piacera sicuramente di ritrovarli uniti e ordinati. Con questa tesi di laurea 1'A. si propone di illustrare particolarmente un periodo della Storia Ecclesiastica di Malta ed un argomento non ancora esplorato. Dimostra le pratiche in uso per la presentazione 1'esame e la nomina dei Vescovi di Malta nel decimo-settimo e decimottavo secolo. Dopo aver sottolineato con una rapida rassegna dell'epoca pretridentina la prassi della Santa Sede nelle elezioni dei Vescovi 1'A. si sofferma ad illustrare i decreti del Concilio di Trento, le Costituzioni "Immensa'' di Sisto V e l'"Onus Apostolicae Servitutis" di Gregorio XIV. intese alla scelta di ottimi Pastori di anime. Passa poi ad elencare le fonti princpali del suo studio, quali 1'Archivio Vaticano, i processi dei Vescovi, i processi Concistoriali, la Dataria Apostolica, 1'Archivio di State di Palermo, i Volumi Manoscritti dell'Ordine dei Cavalieri di Malta, conservati nella uostra Reale Biblioteca, come pure 1'indispensabile e poderosa opera la "Hierarchia Catholica" dei miei confratelli i PP. Eubel, Gauchat, Ritzier e Setrin O.F.M.Conv., ed altre fonti a stampa.

Dimostrato il diritto di presentazione da parte della casa reale della Sicilia, essendo la Diocesi di Malta de jure Patronatus regni Siciliae, osserva 1'A. che anche Carlo V, cedendo nel 1530 Malta ai Cavalieri di Rodi, non rinunziò a questo diritto ma lo trasmise ai suoi successori sovrani della Sicilia. Nel contempo investì il Gran Maestro dell'Ordine Gerosolimitano del diritto di presentazione di tre candidati da proporii al vice-re di Sicilia, il quale a sua volta ne sceglieva un nome da presentare alia Santa Sede per la definitiva scelta e conferma del candidate. Infine espone i documenti della presentazione, dell'esame e della nomina dei Vescovi del periodo in parola. Un appendice corona 1'opera e un indice onomastico facilita la consultazione e 1'uso del libro.

Ci auguriamo che 1'A. continui simili utilissimi studi, tanto rari nel campo della Storia della Chiesa di Malta, rallegrandoci per il presente svolto con acutezza e con vero interesse seientifico.

P. Bonaventura Fiorini, O.F.M.Conv.