Copyright © The Malta Historical Society, 2005.

Source: Melita Historica. [Malta Historical Society]. 7(1977)2(198-199)

A.F. SAPIENZA, A Check list of Maltese Periodicals and Newspapers in the National Library of Malta and the University of Malta Library, Malta University Press, 1977, n.p.

Si tratta, come dice il titolo, di un catalogo di periodici e giornali esistenti nelle due maggiori biblioteche dell'Isola. L'autore e padre Sapienza, benemerito biblioteconomista nostrano. L'elenco comprende tutti i giornali — a parte quelli, presumibilmente pochi, inevitabilmente échappé al compilatore, e già prima ai bibliotecari — pubblicati a Malta, a partire dal Journal de Malte del 1798 fino a tutto il 1973. Vi sono inclusi ben 1222 titoli! Un numero incredibilmente alto di testate per una popolazione che, a metà del secolo scorso, raggiungeva sì e no le 130,000 unità. Ma fu, quello, il secolo delle nazionalità; delle rivoluzioni; dell'immigrazione politica, Così forte e incisiva a Malta; del romanticismo, tendente ad avvicinare la cultura al popolo; di un imperialismo repressive delle libertà politiche e costituzionali delle colonie; di ampia circolazione delle idee a causa delle migliorate vie di comunicazione marittima. Tutti questi elementi contribuirono [p.199] a far sorgere a Malta tanti e tanti giornali. Questo, della stampa periodica a Malta, è un argomento di indubbio interesse scientifico. Se è esatta la informazione ricevuta, è in corso di stampa un ampio lavoro sull'argomento da parte di Bianca Fiorentini, già benemerita, fra l'altro, per l'ottimo studio "Il giornalismo a Malta durante il Risorgimento Italiano", nel volume Echi del Risorgimento a Malta edito dalla "Dante" nel 1960. Sullo stesso argomento ha lavorato anche Dionisio Mintoff, autore di una tesi di laurea inedita, scritta nel 1971 e intitolata Journalism in Malta. Ed ora, questo catalogo per ordine alfabetico. Che il lavoro sia di grande utilità euristica è fuori dubbio. Che esso risponda a modesti intenti di limitata guida bibliografica, lo ammette candidamente 1'autore nell' introduzione: "To determine the date of the last issue of several of these periodicals would have been a worthwhile exercise. Internal evidence is at times possible. But it would have involved the compilers in much more detailed study of the periodicals concerned than could be done in the time that was available". Alcuni titoli sono corredati di informazioni bibliografiche essenziali; altri, invece, fanno a meno anche di quelle. Nel caso dei giornali ottocenteschi, quelle brevissime informazioni sono prese di peso, quasi sempre, dal summenzionato studio di Bianca Fiorentini. In qualche caso, quei ragguagli, così scarni e rapidi, possono indurre il lettore in errore, in quanto si riferiscono ad una determinata fase della vita del giornale anziché all'intero arco della sua esistenza. In altri rari casi, anche relativamente a giornali tuttora in corso di pubblicazione, 1'informazione fornita non è esatta. Per fare qualche esempio: del Ponte, solo il primo n. fu pubblicato dal Gruppo Giovanile della "Dante"; e la pubblicazione di Melita Historica non e "irregular", ma annuale. Il valore della presente Checklist sta quasi unicamente nell' elenco dei titoli e nell'indicazione della reperibilità dei fascicoli nelle due biblioteche. A questo proposito e davvero inspiegabile come le due biblioteche non dispongano dell'intera collezione di riviste e giornali facilmente acquistabili, come per esempio le riviste tuttora vegete e vive, tipo Melita Historica. Si dice oggi che le biblioteche non devono star 1ì, inerti, come botteghe oscure, ad aspettare che vengano gli 'avventori', ma devono darsi da fare per attirare a se i lettori e, se necessario, devono loro stesse andare incontro al popolo per costringerlo, quasi, a consumare il bene della cultura (ho visto, a Berna, attraenti e accessibili biblioteche a pian terreno, sparse per la città, frequentate da ragazzi, madri, operai intenti a leggere giornali e libri nei ritagli di tempo libero). Tanto meno possono pretendere. Le nostre biblioteche, che vengano da sè libri e riviste!

G. Mangion