Source: Melita Historica. 8(1983)4(275-290)

[p.275] Scipione Campi’s report on the fortifications of Valletta 1576

Victor Mallia Milanes

The urgency with which the building of the new bastioned fortress of Valletta was undertaken had been necessitated by the straining cumulative effect on the psychology of the Order of a host of related factors. The evolution that strategic thought had undergone during the Renaissance and the widely acknowledged importance assumed by new, technological developments had rendered the nature of medieval Malta’s pattern of defence obsolete. [1]The devastating siege-warfare capabilities of the Ottoman Turks, the cynical realism behind the ddbacle of 1565, [2] the knights’ obsessive phobia of an ever-imminent, full-scale Turkish assault and the resolute state of mind and regained confidence of La Valette had ultimately justified the pragmatic recommendations of the fact-finding commission of 1524. [3]

On 28 March 1566 the foundation stone was laid for the new fortress city to which, five years later, the Order of St. John migrated from the Borgo, the little ‘fishing village’ on the other side of the harbour. Del Monte’s appetite for fame appears to have been as strong as his predecessor’s. [4] By March 1571 the ‘noble fortifications of Malta’, already constituting an attraction to foreigners, [5] had reached a very advanced stage. [6] Giacomo Bosio, the great [p.276] historian of the Order, described the new, strongly fortified urban complex as one of the ‘most impregable’ fortresses ‘of the world, second to no Italian city for beauty.’ [7] The chief papal military engineer, Francesco Laparelli, was the man responsible for its basic design and construction.

A fair number of first-hand interim reports, drawn up by Laparelli himself, provides progressive insight into the state of its fortification for the first three years or so. These reports have been diligently studied in much detail by Alison Hoppen. The result is a neat and intelligent exposition of the different stages in the fortress’s gradual process of construction and development. [8] To trace further progress following Laparelli’s final report, dated April 1568, it was felt necessary, claims Hoppen, to consult a miscellany of other sources, ‘often anonymous and undated.’ [9] This is mainly due to the largely inexplicable dearth of documentation on sixteenth century fortifications in the otherwise rich collections of archival material at the National Library of Malta. [10] In this sense, therefore, the document reproduced in full below has been deemed worthy of publication. It is a copy of what appears to be the earliest extant official report on the fortification of Valletta, dated and signed, by a visiting military engineer after the death of Laparelli. [11] It is also useful to the student of military history and strategic thinking as it is the work of an experienced Italian engineer of some renown.

Scipione Campi is believed [12] to have been among the distinguished Spanish engineers who visited Malta in April 1566 and is known to have [p.277] ‘soldiered on manfully regardless of his father’s death’ in the siege of Haarlem in 1573. [13] While serving in Sicily under Don John of Austria, he came to Malta in 1576. AOM 436, f.289v. hen he drew up the report under consideration. Shortly afterwards he was transferred to Flanders [14] where the Calvinist revolutionary movement was raging. It is claimed [15] that at one time Campi worked for Catherine de Medici in France. He died in the independent principality of Liège in 1579.

In an eloquent preamble to his report, Campi states that the purpose of his mission to Malta was to consider carefully the state and condition of the new fortress of Valletta and how best it could be improved to guarantee its safety against any possible assault. Philip II was fully aware, he explains, of how strategically valuable the island was for an adequate and effective defence of Sicily and southern Italy. This immediately raises two important questions. What priority did the problem of defending the southern flank of his empire have in Philip’s mind in the 1570s, when affairs in the Netherlands were worsening at an alarming speed? [16] How seriously tense was the situation in the Mediterranean in 1576 to demand the urgent dispatch of a military engineer in his employ to visit and evaluate the fortifications of the new city?

It has been generally argued that after Lepanto the Islamic threat was [p.278] never quite as great as it had been on the eve of this momentous event. [17] This is valid only with the benefit of hindsight and on the broad canvas of historical development as a whole. To contemporary observers in the central Mediterranean world, this view gives a curiously distorted image of the events as they really happened. Although ‘loss of vigour,’ ‘technical stagnation’ and ‘inaction’ were gradually to mark Ottoman decline and regression, it would be inaccurate to associate these signs of weakness with the immediate aftermath of the much celebrated triumph of 7 October 1571. The western allies had indeed failed to follow it up and the two super-armadas would never again engage each other in battle. But the dominant danger of Islam’s counteroffensive had in no way receded with the floating remnants of the destroyed Turkish galleys at Lepanto. For five whole years after 1571, the central Mediterranean was certainly no less imperilled than it had been before. There was ‘no fortress capable of resisting’ the Turk, wrote Cardinal Granvelle to Philip II in December 1574, [18] summing up very concisely the sullen and depressing spirit of those years. The risk of invasion was, and was felt to be by contemporaries, still real and present. [19]

Sixteenth century Malta was an island where the pulse of political currents in the Mediterranean throbbed clearly and distinctly. Every movement, the slightest change, reverberated to its shores. From its various listening posts [20] it could gauge with remarkable sensitivity the progress and whereabouts of Turkish vessels. The reconstruction of the Ottoman fleet in 1572 and the speed with which it was carried out signified the full restoration of Islamic ascendency. The image of its recovery was further enhanced in the western mind in July of that year in the rumoured Turkish expedition to Fez. [21] Within the context of the Sa’adian dynastic crisis in Morocco, [22] which Selim [p.279] II would almost certainly exploit to his own advantage, this move was believed, and feared, to be the Porte’s attempt to counter the Holy League by establishing a pan-Islamic alliance between the two extremities of the empire. [23] The news of Venice’s betrayal [24] and her peace settlement with Turkey in March 1573 were received by the Order’s Council ‘with consternation.’ [25] In Sardinia, La Goletta and Malta ‘preparations for resistance’ were taken immediately in hand, and ‘reinforcements of men and money’ sought from Spain. [26] That summer the supremacy of the Ottoman fleet was once again ‘demonstrated vividly ... when it ravaged the coasts of Sicily and southern Italy. [27]

Prompted probably [28] by the seriousness with which the Turkish threat to Malta was taken, that year La Cassiére, if we are to believe a recent historian, [29] declined Don John of Austria’s request for the Order’s galley squadron to participate in his expedition to Tunis. Don John’s success in 1573 proved as deceptive as his earlier triumph in 1571. At best it demonstrated the Romantic hero’s wild dreams of glory and unbridled ambitions, soon to be contained by typhoid; at worst it provided the Porte with a splendid occasion to confirm its ‘restored domination of the western Mediterranean.’ [30] Early in 1574, ‘all cavaliers of Malta,’ reads one advice, [31] were ‘ordered to return to the island, which is menaced by the Turk.’ By September Tunis and La Goletta, the fortress overlooking the city, were recaptured. Three major consequences have been noted. Within three months of this volte-face Spain had carefully examined and seriously contemplated evacuating her fortresses at Oran, Mars al-Kabir and Melilla, while a military engineer was especially commissioned to report on the defences of Majorca. [32] Spain’s vigorous [p.280] alertness would in part contribute to her second official bankruptcy. [33] The Emperor, Maximillian II, hastily concluded an eight-year truce with the Porte; the Venetian Republic firmly declined all papal exhortation to revive the Holy League. [34]

Again in 1575 it was reported from Venice [35] and Genoa [36] that ‘the new Turk has got out with an armada of 600 vessels and more than 100,000 men, as is said for the capture of Malta.’ In mid-winter a large-scale exepedition [37] set out from Algiers and sailed westward. Reported Henry Mason from Antwerp: [38] ‘The Grand Master of Malta has intelligence that the Turk privily prepares a mighty armada, and has written to the Pope and King of Spain for help.’ ‘Abd al-Malik was established as the new Sharif. [39] Was the much feared pan-Islamic League at last realized? ‘Never had Turkish power in the west,’ it has been latterly observed, ‘seemed so imposing.’ [40]

In the midst of such developments the prudent monarch could hardly disapprove of his Council’s ‘realistic recommendation’ of 12 May 1576 to have his ‘African fortifications and those of Andalusia’ strengthened and reinforced. [41] In the central Mediterranean, within striking distance of other Spanish possessions, lay the strategic fortress island of the Knights, which could hardly be neglected. In fact, early that year, and again in May, Don John of Austria chided the Order of St. John for not responding adequately to the current Ottoman challenge. [42] It was precisely at this point in time, in mid-June, that the Marquis of Santa Cruz, on his way to the Kerkenna islands, entrusted Scipione Campi with his mission to Malta. [43] This fact alone, if further evidence is at all needed, shows how extremely disturbing the implications of the new, irresistible Turkish thrust westward were to the Spanish monarch.

Two copies of Campi’s report have been consulted for the present study. The first is in Fondo Chigi, MS.Q III 69 at the Vatican Library. This is the text [p.281] that is being reproduced below. The second [44] is in busta 22 of the Miscellanea Carte non appartenenti alcun Archivio at the State Archives in Venice. The Vatican copy carries the date 17 July 1577; the Venetian, 17 July 1576. Documentary evidence confirms the Venetian variant to be the authentic one. By January 1576 La Cassière knew that Don John of Austria would soon be sending a certain ingeniere together with three galleys to Malta in view of ‘i sospetti dell’Armata Turchesca’ threatening ‘questa zona più che mai.’ [45] Campi, claims Dal Pozzo, [46] arrived in Malta in mid-June. In his report Campi draws particular attention to the brevity of his sojourn in the island. His services and military expertise, he says, were needed elsewhere. The execution of his other duties on the fortifications of Sicily, to which he was previously committed, had been temporarily interrupted by his visit to Malta. His mission accomplished, he submitted a copy of his suggested modifications to La Cassière ‘for mature consideration.’ He was then asked to extend his visit to be able to witness personally the commencement of work on the lines which he himself had just suggested. He left on 3 August 1576. These new informative details on Campi’s visit to Malta are revealed in La Cassière’s Attestatio pro M.co Scipione Campi:46a

Frater Joannes Levesque et [caetera] custos Universis et [caetera] salutem. Notum facimus et in verbo veritatis attestamur come Il Mag.co Capitano Scipion Campi dippoi d’haver con molta prudenza visitate et considerate queste fortezze n’ha avertito d’alcune case notabili le quali viste et considerate da noi et nostro venerando conseglio essere et ridondare in beneficio et diffesa d’esse siamo restati molto satisfatti del giuditioso et prudentissimo suo parere et si è dato principio ad eseguire quello egli ha ordinato per il quale affare è stato da noi detenuto qui sin al presente giorno che si parte. Onde attioché le virtuose opere di ciascuno in ogni luogo et tempo chiare apparano a sua instanza gli havemo benignamente concedute le presenti. In cuius rei et [caetera] bulla nostra magistralis in cera nigra et [caetera]. Datum Melitae et [caetera]. Die tertia mensis Augusti M.D.LXXVI.

Further evidence corroborates this view on the dating of Campi’s manuscript report. Before the end of June 1577, [47] Philip II had been informed of the successful outcome of his special envoy, sent earlier that year to [p.282] Constantinople to conclude a formal truce with the Porte. Certain knowledge of these changed circumstances would not have elicited from Philip the same sense of urgency which must have motivated the interruption of Campi’s work in Sicily. Moreover, until October 1576, Don John of Austria, to whom the report is addressed, was still enjoying wide viceregal powers over southern Italy. [48] It was then that he succeeded Requesens as governor-general in the Netherlands. By this time too, Campi had been enlisted by Gabrio Serbelloni for work in Flanders. [49]

To the military historian Scipione Campi’s report makes interesting reading. Meant to be accompanied by a plan, which the present writer has been unable to trace, it consists thematically of three main sections. The first lists what Campi considered to be the principal flaws or shortcomings inherent in the defence system adopted by Laparelli’s structure of the permanent fortifications of Valletta. These ‘faults’ concerned the flanks, the casemates, the parapets, the ditches, the bastions of St. Michael, St. Andrew and SS. Peter and Paul, the lateral walls and the foreshore outside Fort St. Elmo. In the second section, which constitutes the greater part of the report, he suggests a series of minor modifications which would rectify most of these deficiencies. One was the addition of orillions to all the flanks. These would support the shoulders by screening the retired part and provide further protection to the guns and men on the otherwise ‘too much exposed’ flanks of the front bastions. They would also diminish the areas of dead ground. Another was the construction of a banquette, measuring 0.5m. by lm., running along the parapet, to give arquibusiers ample space for manoeuvrability. The casemates required an expansion of their ‘feeble’ parapets and an increase of artillery emplacements.

In certain places the ditch needed widening and enlarging as it was not entirely covered from the ramparts. Campi envisaged that in view of manpower shortage, economic difficulties and the constant threat of invasion, this particular modification would inevitably take too long to effect. It had therefore to be carried out gradually; he even suggests the different stages by which work on the ditch would have to be done. Serious preoccupation is expressed with the Isoletto (Manoel Island) and Dragut Point, whose unguarded elevated position underscored the vulnerability of St. Michael demi-bastion and St. Andrew bastion, and rendered this northern quarter of Valletta pathetically liable to enfilade fire from a beseiging force entrenched at either point. [50] Equally disturbing to the professional engineer was the wide, unprotected open [p.283] ground in front of Fort St. Elmo, which could accomodate, albeit with some difficulty, a large number of enemy troops. He proposes the erection of counterforts or internal buttresses and the extension of the enceinte to incorporate the fort within the bastioned trace. Laparelli’s St. John and St. James cavaliers, already built, were judged insufficiently high to offer sound protection to the declivities of the land outside the front bastions and adjoining curtains. Both, he suggests, should be raised a further 3.5 canes and extended to the rear. Towards the end of his report Campi devises an order of priority with which his suggested modifications should be taken in hand.

Nowhere in his discussion does Scipione Campi criticize the substance of Laparelli’s original design. Would it not have been irrelevant at that stage to question the validity (or sanity) of a plan already executed? Most of the shortcomings he points out had only become apparent when the construction of the land front was well advanced, almost completed. Nevertheless, it must be observed that some of his proposed modifications – especially those which concerned the addition of orillions, [51] the continuation of the enceinte around the promontory, [52] the ditch [53] and the two cavaliers [54] – minor though these might have comparatively been – were in fact carried out in later years.

[Text of Report pp. 284-290]

[p.284] The Report

Il Serenissimo Signore Don Giovanni d’Austria pugnatore alle gran forze del Turco, in benefitio de’ Christiani per ordine di Sua Maestà Cattholica, per zelo che egli tiene di quelle parti, ch’essendo in mano al nemico, sarebbono di molto suo proposito con molto danno, come sarà la nuova Città di Malta, spesso dà lui minacciata, giunto con questo l’importantia della salvatione di essa per la delli Regni di Sua Maestà Cattholica, Sicilia, e Napoli, trovò conveniente di mandare molto bene à riconoscere la sua fortificatione col numero delle genti, munitioni, et vittovaglie necessarie à sua difesa, con fine di provederla se bisogno fosse. Parve dunque bene à Sua Altezza confidata più fosse nell’ affettione ch’ io porto all’honore e bandiera sua ch’à mia sofficienza dare à mè questo carico.

Io dunque venuto in Malta, hò procurato con quella commodità che m’hà concessso la brevità del tempo, per non lasciar à dietro l’esecutione d’altri servigij quasi simili, che per benefitio di molti luoghi in Sicilia à Sua Maestà pure piacque commettermi, parlando prima della fortificatione cavar la pianta della nuova Città, considerando le sue difese, e massime le più importanti, e qualità del sito, valendomi perciò assai, di quanto nelle guerre che mi sono trovato ho visto, e fatto, e della intelligenza, se ben poca, chè io tengo delli termini, e misure delle fortificatione per haverne pur fatte alcune mediante che io vengo ad haver conosciuto, secondo il mio debole giuditio di non poco servigio in detta fortezza le cose seguenti.

E prima cominciando dalli fianchi, che giudico essere nella fortificatione, membri non solo di maggior servigio de gl’altri, mà, che detti altri niente vaglino, perduti che saranno quelli, dico haver ritrovato alli beluardi di detta Città posti a quella parte di terra li loro fianchi tanti scoverti dal nemico giunto che sarà con sue trinciere, e cannoni al fosso, che non potranno nel bisogno servire. Hò anco ritrovato le loro Rinculate, ò case matte che vogliamo chiamare tanto corte, che non vi si può col commodo, che si richiede maneggiare gli huomini, e l’Artegleria, che dovrà star in essi, et hanno insieme i parapetti deboli, e senza sito, per causa della loro cortezza dà poterli rinforzare per di dentro; in detta fronte ho ritrovato anco i fossi assai stretti e per coverta delle muraglie esserci un’ argine di materia mobile più in benefitio di trinciere, Cavalieri, et altri ripari nemici e riempitura de nostri fossi, che per necessario nostro servigio.

Hò poi trovato nelle due cortine fra i fianchi solo due sortite in servitio della strada coperta, e nella larghezza del sito di questa fronte per di fuori vi hò trovato alcune luochi coverti dalle offese di Baluardi, cortine, et Cavalieri, per causa di esser il sito quasi la terza parte del mezzo eminente, e dalle [p.285] bande ciascuna verso il loro mare assai basse, ne quali bassi hò ritrovato esservi stato portato gran quantità di materia simil’ alla dell’argine sopradetta, che di più serve per l’istessi commodi. Viene anco dà una parte verso il Beluardo Santo Michele à crescere il sito, e vista al nemico, per imboccare il fianco Santo Andrea con l’artiglieria, e dargli occasione d’assalire quella cortina guardata dà lui, battuta che egli l’havesse con artiglieria che potrebbe mettere sopra l’Isoletto. Hò detto fianco di Santo Andrea, trovato con poca grossezza di spalla con casa matta corta, e suo parapetto debole, li Cavalieri hò pur trovato haver anco bisogno per scoprire le bassezze del sito di maggior altezza di essere cresciuti per la parte della Città per cavarci la scala. Hò trovato basse le muraglie della marina notate nella pianta, e tutto quasi senza parapetti, e senza larghezze de’ suoi terrapieni. Hò anco trovato la corsa all’ incontro della muraglia, in certi luoghi scoverta dalla punta di Dragutte, e finalmente hò poi trovato fuori di Sant’ Elmo una gran larghezza di sito, se bene di qualche difficultà commoda, nondimeno per accapparsi gran numero de nemici, et per piantar artiglierie dà battere quel pontone che mostra la pianta, e levare certi fianchi scoverti che lo diffendono, e farsi padroni di essi e del forte, poichè detto forte è dal pontone dominato, di sorte, che gli è impossibile d’haver rimedio; se ben intendo in buona parte di esse non consistere la difesa di questa piazza, ma con le cose di maggior importanza sono però di molto utile.

Per trattar dunque quanto più brevemente potrò, e secondo il debole giuditio mio del loro bisogno, havuto cura, che ne’ disegni i punti neri significano l’opera vecchia che non doverà servire, e l’altra che serve coverta da terrapiena, et i punti gialli parte della nuova che si doverà fare, che pure stà coverta di terrapieni. Dico dunque per seguire l’ordine cominciato, che i fianchi di Baluardi di detta fronte, doveranno per poter tenere nella loro casamatta il pezzo vicino alle spalle ascoso, e che nel tempo del bisogno veda la diffesa della faccia del Baluardo, che egli dovrà difendere, havere l’orecchione con l’apertura e longhezza che mostra il disegno il quale con l’aiuto della punta del Beluardo copre la bocca di detta Cannoniera talmente che l’assicura di mai esser imboccata, è ben vero che il pezzo per far questo mentre il Baluardo è intiero non potrà veder tutta la lunghezza della sua faccia, ma perchè certo è, che l’inimico per assalirla, è necessitato far battaria, fatta che essa sarà, all’ hora il pezzo scoprirà, quella parte che gli era ascosa, et farà il servitio che doverà senza poter essere impedito, se non è che l’inimico faccia nel fosso lunghe, alte e grosse traverse con perdita grande di gente, e di tempo; col medesimo modo sarà anco coperto dal merlone, e punta del Baluardo in quei fianchi il pezzo nella casamatta vicino à quello della spalla, e l’altro, che tirerà sopra la girlanda per la linea di detto della spalla, dove il parapetto della girlanda vien tagliato con quella linea. Sarà finalmente la linea coverta [p.286] d’altezza del suo parapetto e punta di beluardo, che egli doverà difendere quel pezzo che si vede all’orecchione nella piazza di sopra, di sorte che ciascuno di quelli fianchi, frà quelli della Casamatta, e quelli della piazza scoverta, haveranno quattro pezzi sicuri, oltre che staranno mentre potranno sopra la girlanda per fiancheggiare il fosso, e sua controscarpa, li queli lodo, che siano adoperati per coverta delle nostre genti, con parapetti alti sette palmi à barba acconci, però li detti pezzi à cavallo nel modo che sono alcuni, che hò qui veduto in essere, altrimente se gli faranno le cannoniere.

Li due pezzi che tirano l’uno sopra la girlanda, dà sopra la spalla, et l’altro nell’orecchione dovranno havere quella parte di parapetto tagliata dalla linea per quello della girlanda verso la spalla, e quello dell’orecchione verso la casa matta di altezza di tre palmi, et alli loro resti di palmi sette, et alli detti parapetti di sette palmi. Se li farà una banchetta alta due palmi e larga 4 acciò possano gli archibugieri stando sopra essa adoprar l’archibugio, dandoci à detti parapetti, et à quelle delle case matte pendenza tale per la parte dinanzi, che si possa scoprir l’piano dal fosso della metà della cortina frà i fianchi fino alla punta del Baluardo ch’hanno à difendere, e questo della pendenza, sarà dato à tutti gl’ altri parapetti, tale che sgombrano la campagna da vicino al Bordo della loro strada coperta, e perchè li pezzi di dette case matte possono star sicure et essere con facilità maneggiate in esse, si dovranno le dette case matte slungare, et alcune slargare, et ingrossare i loro parapetti, tanto quanto il disegno mostra, facendovi di quà, e di là del merlone l’altezza del parapetto di tre palmi, et il merlone di dieci, quale nel dinanzi andarà à morir col piano delle sue cannoniere, et acciò che quei fianchi habbiano tutte le sicurezze, e vantaggi possibili, lodo che quella parte di cortina tra i fianchi che mostra il disegno per ogni palmo d’altezza se gli dia uno di scarpa, la quale comincia dal piano delle case matte, e và à finire alla sommità della cortina, e ciò per fuggire l’offesa che sogliono fare le palle del nemico, tirato per squincio in quella alli pezzi et homini, che stanno in dette case matte, e con questo saranno li detti fianchi benissimo rimediati.

Il fosso vorrei che fosse della larghezza che mostra il disegno, si per star sicuro dà machine de ponti nemici, come per altri vantaggi, che non dico per brevità. Per farlo dunque di quella longhezza che mostra il disegno, il sito per la sua gran pendenza si sforzerà a profondarlo, et à far vista delle sue muraglie, non volendo alzar assai li suoi argini con materia mobile, in commodità di trinciere, ò Cavallieri nemici, poichè d’altra ... se non è questa in tutto questo contorno non dovemo temere, che il nemico si serva, se non la porta da parti assai lontane. L’inconveniente di far vista delle muraglie dove sono li fossi profondi, et i fianchi coperti non stimo quasi nulla, la causa brevemente perchè solo un commodo trovo ch’apportino le muraglie scoverte al nemico, che è [p.287] non astringerlo di condurre per far la battaria li suoi cannoni al fosso, ma perchè questo non gli abbrevia l’opera dovendo sforzatamente, siano le muraglie coperte, ò scoverte prima che darli assalto condursi al fosso, e far in esso le traverse che habbiamo detto per levar i fianchi, non trovo di pregiudito, assai di vantaggio, che mi sia fatta la batteria di lontano, ò prima che il nemico ivi possa assalire per il commodo che haverò di ripararla, e necessitato di far un altra, quando egli sarà poi in termine d’assalirne di sorte che per le cause dette, conchiudo sia bene à far il fosso della larghezza che io mostro per il disegno con la sua strada coverta, il quale venirà insieme à diminuire l’argine di quella materia mobile che vi è di presente; e nella sua contrascarpa si cavaranno quelle scale che mostrano dal fosso al piano della strada coverta, il piano della quale doverà caminare con la natura del sito, però unitamente e più bassa di esso sito sempre palmi nove per poter praticarvi senza poter esser veduto dal nemico dalla campagna, e questa bassezza di nove palmi doverà caminare al luogo del proprio bordo dal fosso e di là si anderà alzando verso il parapetto della strada coverta, di sorte che giunto banchetta, dove hanno da star in cima gl’Archibugieri che tirano alla campagna si sia alzata due palmi e due altri si farà alta la detta banchetta, che fanno 4, e cinque altri il parapetto degl’Archibugieri, che in tutto fanno li nove palmi detti di sopra. La profondità del fondo sarà dal fine della sua larghezza, dal più basso di questa strada al suo fondo, seguendo sempre la pendenza di detta strada canne tre e mezzo, ed à quel fondo anderà verso la cortina frà fianchi, con accordo a congiongersi con l’altro fondo, che in quel luogo sarà tre canne e mezzo più basso che il piano delle casematte. Questa strada coverta finirà senza abbracciare tutto il sito dà un cantone all’altro dove mostra il disegno, e questo perchè il sito d’una di quelle parti che è verso il Beluardo Santo Michele, dov’essa finisce si và abbassando assai, e tiene per quel dritto che doveria caminare un Isolotto assai eminente, che la batteria per cortina, in volerla coprire che saria abbassandosi del suo fine vicino alla punta del baluardo Santo Michele più alto del Isolotto à mio giuditio, oltre la spesa grande, importarebbe più la commodità di quella materia al nemico, che l’offesa se gli facesse con detta strada caverta, perciò dunque seguerà il fosso per la detta parte senza essa sino allo sboccare con la ripa del mare, et il suo fondo non si farà maggiore di quello che presentialmente si trova alla punta del detto baluardo Santo Michele, procurando in detto luogo far quella ripa un poco più aspra. Dall’altra parte ancora verso il baluardo Santi Pietro e Paulo detta strada non si stenda più oltre, perchè il sito di là al mare fà caduta precipitosa. Quanto mi resta ancora a dire nel particolare di questi fossi e strada coverta è, che dovendo l’opera di questo largamento e profondità di fosso, prima che si finisca, durarà i mesi, e gli anni, si per il poco numero de lavoratori che io vedo, come per la difficultà della materia, e noi, armando il Turco, haver causa sempre di credere la sua venuta per Malta, non mi par [p.288] bene di cominciar à cavar tutta la larghezza di fossi ad un tratto per lasciarla imperfetta, mà solo tal parte, che havuto riguardo al tempo della venuta del nemico, e nostre forze, possa esser ridotta con la strada coverta al suo fondo nel quale si cercarà di spianare tutti quei gobbi, acciò tutto sia veduto dalle diffese, poi l’anno seguente, con l’ordine detto sopra si attenderà à profondare li fossi prima che darli maggior larghezza, e l’anno di poi con le considerationi sopradette si allargherà di nuovo, seguitando un anno in riallargarlo, e l’altro in profondarlo, sino che giunga alla larghezza che mostra il disegno, et habbia sua profondità, che così si verrà à far l’opera, e potersi nel bisogno servire della strada coverta senza argini di materia mobile, come converrebbe à farla hora nel luogo che è disignato che habbia à star sempre nelle cortine tra beluardi si faranno altre due porte per sortite come sono l’altre mostrate dal disegno vicino al fianco perchè stiano coverte con lo sporto dell’orecchione, e siano nel più alto palmi dieci, e la porta al fosso palmi sette, e larghe come mostra il disegno, e secondo l’altezza che si troverà dal piano della Città al piano del fosso dove hanno dà uscire se li darà di pendenza d’ogni palmo d’altezza, quattro di longhezza, li luoghi ascosi dall’offese de baluardi, Cortine, e Cavallieri dalla parte verso i due mari, e particolarmente verso il baluardo di Santo Michele si scopriranno per quanto men hanno mostro i profili che io ho fatto alzando li Cavallieri tre canne e mezzo più di quello si trovano, alli quali si farà l’accrescimento che mostra il disegno per poterli cavare scala, et i suoi parapetti di tre palmi d’altezza, et cimare in alcune parti la rocca, et in altre si empiranno i bassi di grosse pietre, ne i luoghi che si vede notati nella gran pianta con lettera O, avvertendo che l’A overo B che saranno appresso lo O, con P significano: A — Alzare, B — Bassare, P — Palmi. Dalla parte del Balluardo Santi Pietro e Paolo non vi è posto conveniente farsi opera simile, perchè essendo assai maggiore quei bassi troppo tagliatura di rocca, e rompitura, ci vorrebbe per discoprirlo, et anco perchè mentre il Borgo, e Santo Michele sarà nostro scopriranno essi quello che la nostra città non può scoprire, però mi par bene di lasciar quella parte come si trova, quelle tagliate di sito che io faccio, che si vedono nella pianta alle parti delle due Beluardi Santo Michele, e Santi Pietro e Paolo, e materia mobile buttata in quei luoghi, la quale si doverà seppellire tutta in mare, si perchè l’inimico non se ne serva, come anco per levarli quel sito commodo per imboccare quel fianco di Sant’ Andrea, che con far questo e spinger più in fuori quella punta del detto Beluardo Santo Michele si unirà à coprire benissimo, et insieme à ringrossare per la spalla di detto fianco, debole per l’entrata che fà la nuova cortina nel congiungersi con esso. S’ingrosserà anco nel fianco il suo parapetto, e si farà la casa matta com’ il disegno mostra con l’altezza di parapetti, e merloni gia dichiarati per l’altre case matte alzando la sua piazza così bassa come alta due canne più di quello hora si trova. Le muraglie verso il mare si alzaranno per farle più sicure dove e quanto è notato nella gran pianta, et [p.289] se li faranno sopra i parapetti della grossezza che mostra il disegno, l’altezza de quali come ne beluardi e cortine della fronte di terra, nel resto del recinto saranno di sette palmi, computandovi l’altezza della loro banchetta di due palmi per li archibugieri, e quando occorra s’adopererà in detta fronte senza cannoniera l’artiglieria à cavallo, accommodata nel modo che hò visto qui alcuni pezzi di essa. Alli parapetti delle Marine si potrà fare le cannoniere dove parerà che convengano, e massime dove saranno i fianchi, e luochi più à proposito, per defendere l’entrata e stanza d’un’ armata nemica ne porti. Si faranno anco all’intorno di tutto questo recinto dove mancheranno li terrapieni nel disopra della larghezza che mostra il disegno, cavando l’altezza loro da quelle due muraglie con le loro scese commode che saranno per ogni palmo d’altezza quattro di scesa per coprire il corso delle muraglie scoperto dalla punta di Dragutte per la caduta che fanno dette muraglie ne trè luoghi notati nella pianta con la lettera Q. Si caveranno quelle scale che in detta piazza si veggono, dandole come è detto la pendenza per ogni palmo d’altezza quattro. Alli magazzini segnati con la lettera R, si farà la loro porta dalla parte della scala, e si serrarà quella che tengono scoverta dalla detta punta di Dragutte, per levar al nemico quella gran commodità di sito che tiene all’intorno del forte Santo Elmo, si occuperà con la forma che mostra la pianta che m’è posta la megliore d’ogni altra, in questo luogo. L’ho posta qui nel fine di quanto m’è occorso dire in servigio di quella fortezza, come cosa, che dovendosi fare, sarà anco l’ultima di tutte à farsi. Quando dunque paresse buono, e necessario quanto hò qui detto, et si volesse porre ad effetto, a ciò si proveda alle parti più importanti; Dico ch’e prima si metta mano à fare à tutti i fianchi li suoi orecchioni, et ad ingrossare alle casematte li suoi parapetti, allongandoli et allargandoli dove mostra il disegno, poi si faccia all’incontro quel gran scarpone e si allarghi il fosso, dov’è di presente più stretto con l’ordine e consideratione detta addietro, e dove il fosso è di presente più largo non se li farà altro prima che il più stretto non sia aggiunto a quel termine che è la sua strada coverta, per servigio della quale in quello principio basterà che al longo della controscarpa, si faccino quelle scale, che servono per montata e scesa delle sortite. In questo principio una sola porta per cortina frà fianchi, poi si metterà mano alla gionta del Baluardo Santo Michele, e casamatta e parapetto del fianco Santo Andrea, alzando la sua piazza, le due canne dette addietro, si sepellirà nel mare tutta quella materia mobile, che fà sito al nemico per imboccare detto fianco, facendo il simile dell’altra materia che si trova alla punta di Santi Pietro e Paulo, poi si metterà mano alla giunta de Cavallieri et alzarli quanto hò gia detto per scoprir i bassi, riempiendo i detti bassi di grosse pietre, e cimando nel medesimo tempo quelle altezze di rocca, notate nella gran pianta. Si metterà poi mano ad alzar quella muraglia della Marina, e fare i suoi parapetti et allargare i terrapieni, e scale per ascendere e montare di una piazza all’altra, coperta dalla punta di Dragutte, e perchè [p.290] temo sarà mal comodo di provedere quelle muraglie della Marina d’un terrapieno, della larghezza, et altezza che hò ordinato à dietro, si potranno nella larghezza loro tener meno una canna e mezza di quello mostra il disegno, e per l’altezza li potrà al piede di dette muraglie per di fuori abbassare quel piano, quattro ò sei palmi, e star di quel tanto più bassi con le loro muraglie, e terrapiene. Poi ultimamente si metterà mano à ridurre tutte le di più cose che mostra la pianta, lasciate à dietro per manco mecessarie al suo fine, e si occuperà quella gran larghezza di sito che avanza all’intorno del forte Sant’Elmo, facendovi alle muraglie i contraforti con vacuo d’una canna e mezzo frà l’uno e l’altro, e grosso quattro palmi, e lunghi oltre il grosso della muraglia della cortina, quattro, e la grossezza de’ parapetti di sopra, la qual grossezza di muraglia e di cortina all’opera del Belluardo Santo Michele doverà essere per la sua grand’ altezza nel fondo canne tre, et all’opera verso il forte Sant’Elmo canne due alte. Altri avvertimenti, per non esser troppo lungo non mi par dovere dare, e massime restando à questa cura Maestro Girolamo Cassar persona di molta intelligenza e pratica. Solo dirò per fare fine che saria bene non consentire à particolari, che vengono à cavar la rocca ne’ fossi per fabricare case, squadrare le dette pietre in quel luogo, se non fossero alcune per la grandezza loro tanto gravi, che difficilmente si potessero portar via prima che essere squadrate, ne anco facciano per cavar dove è men dura la rocca di quà e di cavarne ascose dalle difese, mà seguire l’altra cavatione unita e non più bassa di quello hò detto di sopra.

Per intelligenza di questi miei disegni si doverà avertire che la pianta di essi nella fronte di terra è presa all’altezza delle loro Case matte, che così mi è tornato commodo haverla per conoscer meglio la buona coverta de i fianchi che à pigliarla per l’inequalità della scarpa che causa le diverse altezze delle muraglie a piè di tante muraglie.

E per compire in tutto gl’ordini che mi furono dati dà Sua Altezza sono stato di poi haver detto quanto mè occorso in servigio della nuova Città a riconoscere il Borgo con il Castel Sant’Angelo, e Santo Michele, per dirne il simile, conforme poi alla stima che ho conosciuto fà di quei luoghi, questa Sacra Religione, che è di accommodarli solamente con poca spesa per far qualche contrasto al nemico in conservate di quelli allogiamenti che vi sono et insieme dannificarlo per quelle parti quanto più si potrà nelle genti e munitioni dà guerra sino al tempo di ritornarsi in Sant’Angelo et ivi fare il medesimo per ritirarsi finalmente nella nuova Città.

Quello dunque m’è parso conforme al presupposto sia bene di fare in quei luoghi lo mostro nelle loro due piante, e l’altre due sole medesime, però secondo stanno al presente non allego le ragioni di quanto vorrei qui fare per esser assai longha l’opera di poca importanza, e facile da esser giudicate per il disegno. Tutto che si è detto sia detto sotto correttione di più e pratichi giuditiosi. In Malta questo di 17 di luglio 1577 (sic). Scipion Campo.


[1] It has been convincingly argued that with the coming of the Knights of St. John to Malta in 1530 ‘a whole new conception’ of defence strategy begins to emerge, one which involved ‘a revolution in the military dispositions of the island.’ Cf. J.T, McPartlin, “The Defences of Malta,” Journal of the Faculty of Arts, The Royal University of Malta, iii. 1 (1965), 10-17. See also J.Q. Hughes, “The defence of Malta,” Quaderno dell‘Istituto Dipartimentale di Architettura ed Urbanistica, University of Catania, viii (1976), 1-12.

[2] It is exceedingly doubtful if the brave defence put up by the Knights and the great heroism shown by the Maltese people in the siege of 1565 would have ultimately ‘saved the day,’ had it not been for the rather belated arrivall of Philip II‘s relief force the second week in September. The decisive role played by Philip II in this Christian victory has been clearly explained (and defended?) by F. Braudel The Mediterranean and the Mediterranean World in the Age of Philip II, trans. S. Reynolds (London 1972-3), 1014-1026.

[3] It was this commission which had first suggested the suitability of the strategic Sceberras peninsula for the building of a strong fortress to protect the entrance to the island’s two principal harbours, Cf. G. Bosio, Dell’Istoria della Sacra Religione et Ill.ma Militia di S. Giov. Gierosolimitano iii (Rome 1602), 30-31.

[4] Ibid., 871.

[5] Public Record Office (London), Calendar of State Papers (Foreign) Elizabeth (1566-68), rub, 2663, Edward Lord Windsor to Cecil: ‘Arrived at Naples on the 29th November and has determined to depart to Sicily. The cause of his going is the great desire he has to see the noble fortifications of Malta,’ Naples, 6 December 1568.

[6] Cf. V. Mallia-Milanes, “The Siege of Cyprus in Bosio’s Istoria,” Archivum: Journal of Maltese Historical Research i (1981), 21; W. Porter, A History of the Fortress of Malta (Malta 1858), 134.

[7] Bosio, 871-2.

[8] A. Hoppen, The Fortification of Malta by the Order of St. John 1530-1798 (Edinburgh 1979); especially chapter 4 on Valletta and its fortifications.

[9] Ibid., 42. On 7 April 1576 an order was issued ‘in forza del quale gli schiavi dell’ Ordine che servono i privati devono essere impiegati a scavare il fosso.’ N[ational] L[ibrary of] M[alta], A[rchives of the] O[rder of] M[alta] 94. f.107v.

[10] Cf. A. Hoppen, “Military Engineers in Malta, 1530-1798,” Annals of Science 38 (1981), 415-6.

[11] To trace the progress of the fortification of Valletta between 26 October 1570, when Laparelli died, and June 1576, when Campi was in Malta, both Hughes and Hoppen have made extensive use of two Vatican Library MSS.: the Urbinate Latino 833 (ff.137-221), which is anonymous and undated, and the Vaticano Latino 7776, which is dated (1574) but anonymous.

[12] Campi’s 1566 visit to Malta is still a matter of conjecture. Q. Hughes, in The Building of Malta during the period of the Knights of St. John of Jerusalem 1530-1795 (London 1967), 204, claims that Campi found himself on the island shortly after the siege. His evidence is based solely on secondary works and, presumably, on the fact that Campi is said to have been accredited with a manuscript on the fortification of Valletta dated ‘circa 1566.’ Later, in Fortress, Architecture and Military History in Malta (London 1969), 54, Hughes points out that Campi was in Malta during the siege: ‘He survived the siege and was able to make suggestions to Laparelli for the improvement of his city plan.’ Hoppen (Fortification of Malta, 37), while allowing for the possibility of Campi’s 1566 visit, questions Hughes’ assertions on the grounds that ‘Bosio does not include him among the Spanish engineers’ (ibid., 185 n.27). In this context both Hughes and Hoppen have drawn heavily on P. Collura, “La difesa militare di Malta nella seconda metà del secolo XVI,” Archivio Storico di Malta, n.s., xi, 3 (1940), 177-203; and especially, 186. In a recent paper, Roger de Giorgio accepts uncritically, and without supporting evidence, both Campi’s early visit to Malta and 17 July 1577 as the date of Campi’s (later) report. See R. de Giorgio, ‘Advice on the Fortifications of Mount Sceberras including Geronimo Cassar’s Contribution to their Improvement,’ Proceedings of History Week 1983, ed. Mario Buhagiar (The Historical Society, Malta, 1984), 89. On the dating of Campi’s report, below.

13 C. Duffy, Siege Warfare: The Fortress in the Early Modern World 1493-1660 (London, 1979)., 63.

[14] Collura, 190; Hughes, Building of Malta, 204+ Hoppen, Fortification of Malta, 185 n. 27.

[15] A. de Zastrow, Histoire de la fortification permanente, trans. Neuens (Liège 1846), i, 105. Cited in Hoppen, Fortification of Malta, 185 n.27.

[16] In mid-1574 Philip II considered ‘the loss of the Netherlands and the rest (of his monarchy) to be as certain as, in this situation, anything can be... It is a terrible situation and it is getting worse every day.’ Cf. G. Parker, The Dutch Revolt (Penguin edition, London 1979), 166. Parker’s is an impressively sane approach to the revolt of the Netherlands, very close to ‘total’ history.

[17] Cf. for example J.H. Elliott, Imperial Spain 1469-1716 (Penguin edition, London 1970), 241; A. Dominguez Ortiz, The Golden Age of Spain 1516-1659, trans. J. Casey (London 1971), 67; Braudel, 1088; H.G. Koenigsberger, G.L. Mosse, Europe in the Sixteenth Century (London 1976), 195. A.C. Hess, “The Battle of Lepanto and its place in Mediterranean History,” Past and Present 57 (1972), 53-73, questions the validity of the post-Lepanto theory.

[18] Braudel, 1140; Parker, 187.

[19] Braudel, 1106-1139, passim.

[20] La Valette, for example, is known to have had spies in his employ at the Turkish capital. Cf. Bosio, 817. Elsewhere, the same historian calls them ‘our friends in Constantinople.’ Ibid., 871.

[21] D. Yahya, Morocco in the Sixteenth Century: Problems and Patterns in African Foreign Policy (Essex 1981), 50. This is an authoritative and knowledgeable book which makes a significant contributon to Mediterranean history.

[22] Cf. W.E.D. Allen, Problems of Turkish Power in the Sixteenth Century (London 1963), 31.

[23] Yahya, 50.

[24] The term is Braudel’s.

[25] Cf. U. Mori Ubaldini, La Marina del Sovrano Militare Ordine di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta (Rome 1971), 284.

[26] CSP (For,) Eliz. (1572-74), rub. 1029, Pietro Bizarri to Lord Burghley, Augsburg, 10 June 1573.

[27] S. Shaw, History of the Ottoman Empire and Modern Turkey Empire of the Gazis: The Rise and Decline of the Ottoman Empire, 1280-1808 (London 1976), 179; G. Parker, Philip II (London 1979), 128.

[28] La Cassiére, a Frenchman, could have also been subtly collaborating against the Habsburgs through inaction. Cf. L. de Boisgelin, Ancient and Modern Malta (London 1905), ii, 141. This view is strengthened by Don John of Austria’s allegations. See below.

[29] Mori Ubaldini, 284.

[30] Shaw, 179.

[31] CSP (For,) Eliz. (1572-74), rub. 1303. Advices from different places, January-February 1574. See also AOM 94, f.13v, 17 July 1574; ibid., f.19, 23 August 1574; B. Dal Pozzo, Historia della S. Religione Militare di S. Giovanni Gerosolimitano detta di Malta (Verona 1703-15), i, 78.

[32] Braudel, 1140-41; Yahya, 56.

[33] G. Parker, Spain and the Netherlands 1559-1659 (Glasgow 1979), 32-4.

[34] Braudel, 1141; Yahya, 56.

[35] CSP (For.) Eliz. (1575-77), rub. 100, Advices, Venice, 20 April 1575.

[36] Ibid., rub. 495(2), Genoa, 11 December 1575.

[37] Both the army and the fleet were raised at Constantinople but financed by Algiers. Cf. Yahya, 66.

[38] CSP (for.) Eliz. (1575-1577) rub. 652, Henry Mason to Lord Burghley, Antwerp, 4 March 1576.

[39] Yahya, 68-9.

[40] Parker, Philip II, 128.

[41] Yahya, 68-9.

[42] Cf. AOM 94, ff.102-103v, 29 March 1576; ibid., f.120, 20 May 1576; Dal Pozzo, 115.

[43] Dal Pozzo, 118; Collura, 187; for Santa Cruz’s expedition, Braudel, 857.

[44] Relazione di Scipione Campi, 17 Luglio 1576, circa la commissioni avuto di tracciar la pianta della nuova citta di Malta.

[45] AOM 436, f.278r- The term ‘Siccome ha piaciuto ... di mandare qui’ in this document seems slightly ambiguous, as it may also be referring to Ludovico Cesano who was still in Malta at the time. cf. De Giogio, p. 85.

[46] Dal Pozzo, 199-120. 46a AOM 436, f.289v.

[47] Braudel, 1150-51; Parker, Dutch Revolt,188; id., Spain and the Netherlands, 33-4.

[48] Parker, Philip II, 130-31.

[49] Collura, 190.

[50] On the Isoletto cf. R. Vella Bonavita, “A Sixteenth-Century Proposal for a Fort on ‘Manoel’ Island,” Melita Historica vi, 2 (1973), 141-152.

[51] Cf. Hoppen, Fortification of Malta, 186 n.59; Hughes, “Defence,” 15, 38 n.64; id., “Documents on the Building of Valletta,” Melita Historica vii, 1 (1976), 9.

[52] Cf. Collura, 188; Hoppen, Fortification of Malta, 186, n.62; Hughes, “Defence,” 38 n.67.

[53] Hughes, “Defence,” 15.

[54] Ibid., 15, 38 n.67; id., “Documents,” 6 n.12, 9.